• Home / CALABRIA / Il 18 e il 19 ottobre all’Unical due giornate internazionali di studio sulle politiche di coesione territoriale

    Il 18 e il 19 ottobre all’Unical due giornate internazionali di studio sulle politiche di coesione territoriale

    Il dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università della Calabria organizza, per il 18 e 19 ottobre 2016, nell’Aula Caldora, due giornate internazionali di studio proposte e sponsorizzate dall’Associazione Italo Americana – American Studies Center di Napoli, sulle politiche di coesione territoriale: un confronto tra Italia e Stati Uniti. “Le politiche di coesione territoriale nei paesi industrialmente avanzati – è scritto in una nota – hanno conosciuto due stadi di sviluppo: nel primo stadio è prevalso l’approccio top-down, in cui lo stato centrale gioca un ruolo preminente, attraverso la costruzione di infrastrutture, gli investimenti pubblici diretti e gli incentivi rivolti agli investimenti privati. Nel secondo stadio, caratterizzato dall’approccio bottom-up, sono diventate protagoniste le comunità locali, chiamate a progettare il proprio sviluppo per poter accedere alle risorse finanziarie comunitarie e nazionali.Questa seconda fase è stata caratterizzata da sottoutilizzazione dei fondi strutturali e dalla loro erogazione ‘a pioggia’, a volte priva di un’idea progettuale forte, a volte della capacità di attuarla. Ecco perché oggi è in corso un ripensamento che cerca di individuare un punto di equilibrio tra i compiti dei governi Regionali e quelli della neonata Agenzia nazionale per la Coesione Territoriale”. “Le giornate di studio – prosegue la nota – vogliono inserirsi in questo dibattito, in un momento importante quale l’avvio operativo della progettazione 2014-2020. Attraverso interventi di qualificati studiosi italiani e stranieri si affronteranno argomenti relativi sia all’esperienza del Mezzogiorno, sia all’esperienza negli Stati Uniti d’America, ove l’Agenzia della Tennessee Valley Authority ispirò la creazione della Cassa per il Mezzogiorno. Si passerà quindi alle problematiche odierne, allo scopo di offrire alle Regioni interessate e alla comunità scientifica allargata strumenti di riflessione per una politica di utilizzazione efficiente ed efficace delle risorse”.