• Home / CALABRIA / Castrovillari – Protocollo con il Corpo Forestale dello Stato contro abbandono rifiuti

    Castrovillari – Protocollo con il Corpo Forestale dello Stato contro abbandono rifiuti

    Uniti a tutela del Territorio e del suo decoro. E’ questo il senso di una fattiva collaborazione, sancita tra l’Amministrazione comunale di Castrovillari ed il Corpo Forestale dello Stato, che rilancia, ancora una volta, il ruolo e portata delle sinergie istituzionali in questo ambito qual è l’ambiente e la sua salvaguardia.

    Lo ha dichiarato, a nome e per conto dell’Amministrazione comunale, l’Assessore, Pasquale Pace, ricordando “l’impegno di Questa, sin dall’insediamento, per combattere, con tutti gli strumenti in possesso, il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti.”

    Per tale motivoaggiungeè stato firmato, nelle scorse settimane, un protocollo d’intesa tra il Comune e il Corpo Forestale che (grazie al Vice Ispettore Luigi Melfi il quale ha curato la convenzione e gestito le risorse del Corpo Forestale) vede insieme, per il controllo dell’Area, i dipendenti municipali dell’Ufficio Ambiente, gli Ispettori Ambientali volontari e, chiaramente, il personale del Comando Stazione del capoluogo del Pollino, il quale ha elevato sanzioni amministrative per alcune migliaia di euro in sole due settimane di attività.

    A propositospiega Paceè stato svolto un capillare servizio attraverso appostamenti, ispezioni e vigilanza continua dei luoghi, oggetto proprio di abbandono, alcuni dei quali posti anche sotto video-sorveglianza.   L’attività ha permesso di risalire ad alcuni trasgressori, sanzionandoli.”

    Continua cosìprecisa ancora Pacel’opera inibitoria dell’Ente grazie anche alla preziosa opera degli uomini del Corpo Forestale dello Stato, alla loro professionalità e dedizione, fondamentali in questa collaborazione interistituzionale a più voci ed espressione di un cambio di passo, determinante per un maggiore controllo del Territorio.”

    Proprio a partire da tale esperienza è ferma volontà dell’Amministrazione comunale dilatare queste forme di cooperazione per utilizzare al meglio tutte quelle risorse umane, tecnologiche ed istituzionali che insieme, in più modi ed a più livelli, possono imprimere quell’azione di salvaguardia, fondamentale per la crescita che ciascuna città aspira.

    E’ con questa capacitàconclude l’amministratoree voglia di fare che andiamo avanti, consapevoli, inoltre, che aver ripensato in maniera corretta la gestione e controllo dei rifiuti, tra recupero e smaltimento, non avrebbe evitato di botto il problema dell’abbandono, il quale può essere debellato facendo sistema, educando, attivando buone pratiche, annodandone di nuove, ma sicuramente avviato ulteriori interventi di ottimizzazione per il bene comune. Naturalmente questo è un impegno ed un lavoro in progress che non può prescindere da nessuno e, soprattutto, da quel civismo, importantissimo per la pulizia, promozione e bellezza dei nostri luoghi.”