• Home / CALABRIA / Rende(CS) – Domani il seminario sul tema dello sviluppo territoriale organizzato dal Sasus

    Rende(CS) – Domani il seminario sul tema dello sviluppo territoriale organizzato dal Sasus

    Domani 6 luglio alle ore 15.30 presso l’Aula Seminari del SASUS si terrà il quarto seminario organizzato dal SASUS sui temi dello SVILUPPO TERRITORIALE NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE 2014 – 2020.
    Con inizio previsto alle 15.30 i prof. Riccardo Barberi, Presidente Calpark – Parco Scientifico e Tecnologico della Calabria e Nicola Leone, Direttore del Dipartimento di Matematica ed Informatica dell’Unical si alterneranno per relazionare su:
    “Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione (OT 1); Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente; Strategia Regionale di Specializzazione intelligente; Migliorare l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché l’impiego e la qualità delle medesime (OT 2)”.

    Questo Seminario sarà particolarmente interessante per comprendere come il territorio può supportare la crescita delle numerose imprese innovative presenti nella nostra Area di interesse. La seconda parte del seminario invece darà delle delucidazioni sulle strategie che il programma operativo ha previsto per migliorare la qualità delle tecnologie informatiche nella Regione Calabria.

    Si ricorda che i seminari sono gratuiti e hanno preso il via il 15 Giugno 2016, presso la sede del SASUS, negli spazi rinnovati dell’ex CRAI a Rende in Via Danimarca, Località Macchialonga.
    Per l’occasione è stato chiesto il riconoscimento di crediti formativi permanenti per l’aggiornamento e lo sviluppo professionale continuo, agli Ordini degli Ingegneri ed Architetti della provincia di Cosenza, per i dipendenti comunali iscritti a tali Ordini professionali.
    Il corso è tenuto da docenti universitari, dirigenti pubblici, esperti settoriali ed è diretto dal coordinatore tecnico del SASUS, ing. Salvatore Orlando.
    Con questa prima e rilevante iniziativa il SASUS vuole dare un segno concreto per l’avvio di un percorso di progettazione tra i Comuni, come previsto dai bandi della programmazione comunitaria.