• Home / CALABRIA / Cosenza – “Fuori dal Cerchio”, personale dell’artista Francesco Gabriele

    Cosenza – “Fuori dal Cerchio”, personale dell’artista Francesco Gabriele

    “Fuori dal Cerchio”, la nuova personale dell’artista Francesco Gabriele a cura di Marilena Morabito e dell’Associazione ACAV, prenderà il via nella città Cosenza presso gli spazi espositivi Tecnè3 in Piazza Crispi 9 sino a giovedì 30 giugno 2016.
    “Fuori dal Cerchio” di Francesco Gabriele è ribellione interiore espressa attraverso la sottomissione della materia, sfida continua con gli elementi che compongono le sue stesse opere, ambizione nello scegliere di catturare la materia in un unico corpo che allo stesso momento è sia singolo, sia molteplice. L’artista Gabriele compone con ordine quasi maniacale le proprie opere che continuano a non voler essere contenute in uno spazio bidimensionale ma pretendono di invadere lo spazio slittando dal supporto o sbocciando dallo stesso come fiori metallici che nascono da terreno apparentemente infertile. Lingue di fuoco, anime nere e pensieri leggeri sono il risultato di un pensiero trasposto nell’ultima produzione artistica dell’Artista Francesco Gabriele.
    La personale rimarrà aperta tutta la settimana dalle ore 16:00 alle ore 20:00 dove sarà possibile godere di queste opere in uno spazio, quello della Tecnè 3, scatolare come se fosse un limbo dove le opere esposte assumono una personalità propria forte e inalienabile.
    Entrare alla Tecne Cube comporta un legame con l’arte in tutte le sue sfaccettature, implica il non volersi staccare da questo luogo, motivo per il quale la personale dell’Artista Francesco Gabriele potrà essere goduta in stretto legame con “arti altre” tra i quali, la performance musicale del chitarrista Massimo Garritano e il suo nuovo lavoro discografico “Present” (etichetta Manitù) martedì 28 giugno. Occupate lo spazio ascoltando ed osservando senza distrazioni.
    Una necessità essere fuori dal coro, fuori dagli steriotipi, fuori dalla cosiddetta normalità, “Fuori dal Cerchio”, per divenire comunicatori di nuove voci e per osservare da un’altra angolazione quello che rimane all’interno dei numerosi cerchi che ci contengono.