• Home / CALABRIA / Il ruolo determinante delle Consulte studentesche della Calabria esaltato da Luca Cordero di Montezemolo

    Il ruolo determinante delle Consulte studentesche della Calabria esaltato da Luca Cordero di Montezemolo

    Nell’affollatissimo Palamilone di Crotone, durante la straordinaria cerimonia di promozione di Roma 2024, le Consulte studentesche della Calabria hanno vissuto un importante momento di protagonismo riconosciuto Loro da un interlocutore d’eccezione: il Presidente Montezemolo che, più volte ne ha evocato il ruolo determinante. A rappresentarle tutte, nel ruolo anche di portavoce nazionale delle Consulte d’Italia, Giovanni Di Bartolo che ha ricordato le Olimpiadi del 1960, l’opportunità di Roma 2024 per il territorio nazionale e locale, il rapporto tra scuola e comitato promotore ed il ruolo delle Consulte in merito alla promozione dell’evento.
    Tutte le argomentazioni esposte, sono state il frutto di un lavoro di team con gli altri Presidenti: Alessio Rocca per Catanzaro, Vincenzo Covelli per Cosenza, Carloalberto Corica per Reggio Calabria, Gianpiero Lavecchia per Crotone coordinanti dalla Responsabile regionale, Franca Falduto. Tutti insieme, supportati anche dal Referente di Crotone Santino Mariano, hanno posto all’attenzione questioni importanti quali: Roma 2024, teatro di confronto di diverse visioni del mondo in un momento critico per i rapporti internazionali, la possibilità di delocalizzare gli eventi e trarne un vantaggio a lungo termine sul nostro territorio da portare, meritatamente, vista la sua identità storica, all’attenzione del mondo. Tutto il percorso di preparazione alla giornata ha, oggi, ha avuto e avrà un solo grande obiettivo: vincere la candidatura a settembre 2017.
    Luca di Montezemolo ha condiviso pienamente quanto esposto nei saluti introduttivi dal Presidente della Consulta di Crotone  che ha partecipato la lettera destinata a Montezemolo da cui tutto si è generato e dove emerge il valore della nostra terra sin dalle prime olimpiadi che la storia ricordi, fondamenta culturali che possono rappresentare davvero la leva su cui edificare la rinascita di una regione che merita un reale e proficuo sviluppo partendo dalle straordinarie peculiarità che la contraddistinguono. Queste le parole con cui ha concluso ha Montezemolo che ben emergono nell’accordo di partenariato firmato con il Direttore dell’USR, Diego Bouché.