• Home / CALABRIA / In Calabria i ”dolci buoni” per la lotta alla Sla

    In Calabria i ”dolci buoni” per la lotta alla Sla

    Un piccolo gesto di solidarietà addolcisce la vita e aiuta i malati di SLA: con questo spirito i volontari di AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, stanno allestendo a Reggio Calabria, Cosenza e nelle province i gazebo con colombe e uova pasquali, per raccogliere fondi a sostegno della formazione delle persone che assistono a casa i malati di SLA e per supportare il servizio psicologico attivo in alcune province.

    Con un contributo di almeno 10 euro si potranno avere le uova al cioccolato di 300 gr mentre con un contributo di 15 euro si potranno chiedere le colombe artigianali da 1 kg preparate appositamente dai pasticceri di Reggio Calabria.

    I volontari di AISLA sono già stati nei giorni scorsi a Gioiosa Ionica, Platì, e a Cosenza in Piazza Kennedy. Ecco di seguito tutti i nuovi appuntamenti

     

    Le date e le piazze

     

    14 marzo / Piazzale Ospedale Morelli di Reggio Calabria

     

    15-16 marzo / Ospedali Bianchi Melacrino Morelli di Reggio Calabria

     

    18-19 marzo / Piazza San Giorgio Al Corso – Corso Garibaldi, Reggio Calabria

     

    19 e 20 marzo / Piazza Monumento dei Caduti a Parenti, Cosenza

     

    20 marzo / Piazza San Pasquale a Chorio (RC)

     

    20 marzo presso la Chiesa di San Nicola a Gallina (RC)

     

    I fondi raccolti saranno utilizzati da AISLA Reggio Calabria e Cosenza per continuare a sostenere le persone con SLA del territorio con aiuti concreti. Negli anni scorsi questa raccolta fondi ha permesso all’associazione di dotarsi di un pullmino per il trasporto dei malati e di finanziare un progetto per il supporto psicologico per i malati e per le loro famiglie. Grazie alla raccolta fondi dello scorso anno è partito inoltre un progetto di formazione continua in collaborazione con l’ASP di Reggio Calabria: in particolare sono state formate 4 equipe multidisciplinari per tutta la provincia di Reggio Calabria, composte da neurologi, rianimatori, fisiatri, fisioterapisti, infermieri, logopedisti, psicologi.

    Sono stati inoltre acquistati ausili, materiale sanitario e strumenti indispensabili per l’igiene e la vita quotidiana delle persone con SLA.

     

    In Calabria AISLA segue e sostiene gratuitamente circa 100 malati di Sla e loro famiglie