• Home / CALABRIA / Calabria, Agrinsieme – Statti chiede deroga per vitelli destinati all’ingrasso

    Calabria, Agrinsieme – Statti chiede deroga per vitelli destinati all’ingrasso

    “Nel sistema agricolo calabrese il comparto zootecnico ha assunto un’importanza cruciale e le aziende impegnate nell’allevamento rappresentano – per chiunque conosce numeri e consistenza dell’agricoltura regionale – una realtà che necessita, per una serie di ragioni, di una costante e continua azione di rappresentanza.
    Come Agrinsieme abbiamo chiesto alla Regione di attivarsi per rendere possibile – attraverso una interlocuzione con il Ministero competente – deroghe che possano consentire la movimentazione di vitelli destinati all’ingrasso, tenuto conto che nelle province calabresi esistono limitazioni ed è – allo stato – difficoltoso recuperare i vaccini per intervenire su alcuni sierotipi.
    La nostra richiesta è fondata anche sul fatto che l’ allevamento dei bovini di razza podolica in Calabria prevede che in questo periodo gli allevatori, in transumanza sull’altopiano della Sila, vendano i vitelli destinati all’ingrasso per motivi legati all’alimentazione degli stessi e perché la vendita rappresenta una delle principali fonti di reddito.
    Ci sono già accordi commerciali con aziende pugliesi e lucane che intendono acquistare i bovini ma in assenza delle deroghe che abbiamo richiesto i contratti e le vendite non possono essere concluse.
    Abbiamo chiesto dunque alla Regione di attivarsi per ottenere tali deroghe in assenza delle quali il comparto zootecnico calabrese subirà l’ennesimo ingente danno economico.”

    Alberto Statti
    Coord. Reg. Agrinsieme