• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / CNA: “Acconciatura ed estetica, chiudono le imprese regolari e aprono gli abusivi”

    CNA: “Acconciatura ed estetica, chiudono le imprese regolari e aprono gli abusivi”

    La chiusura delle attività di acconciatura e dei centri estetici, in zona rossa, non solo riporta nella drammaticità economica centinaia di imprese che operano nel territorio reggino, ma contribuisce a far dilagare l’abusivismo che da sempre costituisce una piaga per le imprese regolari.

    La chiusura delle attività legali, infatti, sta incentivando il lavoro a domicilio da parte di soggetti che si improvvisano parrucchieri ed estetisti senza possedere i requisiti professionali e al di fuori di qualsiasi norma di sicurezza per poter svolgere l’attività, né tantomeno osservare i protocolli anti Covid adottati dal Governo, contribuendo in tal modo alla diffusione del virus.

    E proprio perché il settore ha adottato tutte le garanzie igienico-sanitarie sarebbe ingiustificato che il Governo continuasse a tenere chiuse le attività nelle zone rosse.

    Per sostenere il settore la CNA Nazionale e le altre Organizzazioni degli artigiani hanno promosso, su tutto il territorio nazionale, una petizione per fare riaprire i saloni di acconciatura e i centri estetici già dal prossimo DPCM.

    A tal riguardo e possibile firmare la petizione al seguente link: http://chng.it/kQY4SsphXp