• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Servizio Idrico Integrato: Federconsumatori chiede un incontro all’Autorità regionale

    Servizio Idrico Integrato: Federconsumatori chiede un incontro all’Autorità regionale

     In una nota indirizzata al Presidente dell’Autorità Idrica della Calabria Avv. Marcello Manna, Federconsumatori ha chiesto un incontro per sollecitare la costituzione della Consulta permanente dell’utente e conoscere l’indirizzo del nuovo piano finanziario che avrà impatto sugli utenti del servizio idrico.

     

    Nell’occasione, la Presidente di Federconsumatori Calabria Mimma Iannello, ha sottolineato l’importanza di mettere a sistema l’intera filiera idrica regionale in ogni sua componente.

     

    Troppi i disservizi che si riversano sugli utenti per le reti colabrodo, le sospensioni in molte zone del servizio e l’arrivo nelle case di acqua non potabile, il calcolo arbitrario dei consumi in diversi Comuni, per la geometria variabile delle tariffe, le inefficienze di governance del sistema, gli allacci abusivi, le troppe morosità.

     

    Federconsumatori, fra i promotori del referendum del 2011 sull’acqua bene comune, denuncia i ritardi con cui si procede nella riforma del settore e nella definizione del soggetto gestore pubblico. Sono ritardi che pesano e che compromettono l’affermazione di scelte di riorganizzazione, ammodernamento e gestione che rendano il servizio sostenibile sul piano finanziario, sociale ed ambientale.

     

    Federconsumatori, chiede venga messo un punto fermo sulle tappe della riforma regionale non solo per dare attuazione a obblighi nazionali e comunitari ma nel contempo, per consegnare alla Calabria un sistema idrico integrato moderno e sostenibile che consenta ai cittadini di fruire, nel rispetto di standard di efficienza e di qualità, di un bene naturale che non è illimitato.

     

    In un contesto di mutamenti climatici che rendono stringente l’uso corretto e responsabile di ogni goccia d’acqua, diventa urgente portare a compimento ogni misura necessaria per efficientare il servizio, superare ogni spreco, abuso e dispersione e commisurarne il costo su principi di equità della tariffazione.