• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Colazione al bar: come “sgarrare” senza ingrassare

    Colazione al bar: come “sgarrare” senza ingrassare

    Alzi la mano chi non ama coccolarsi con delle leccornie di primo mattino. La colazione è uno dei pasti più importanti, perché ti aiuta a cominciare la giornata. Purtroppo quasi tutti tendiamo a fare delle tristi colazioni, per evitare di fare a pugni con la bilancia, anche se in cuor nostro vorremo tanto poterci sedere al tavolino di un bar e concederci un gran bel croissant con cappuccino.

    In vero, non c’è nulla di male nel concedersi qualche “sfizio”, a patto che si seguano alcuni semplici consigli. Sarà meraviglioso cominciare la giornata cedendo ai peccati di gola.

    Colazione al bar: perché tutti la evitano

    In molti, per evitare il pentimento, stanno alla larga da quella buonissima colazione del bar fatta di cornetti profumati e cappuccini schiumosi. Credono infatti che privandosi sempre di certe tentazioni, possano tenere in salvo la propria linea. Insomma ignorano che è possibile fare una gustosa colazione senza mettere a repentaglio il proprio peso.

    Innanzitutto bisogna prendere sempre il bicchiere mezzo pieno delle cose. Nessuno dice che se ti fai corrompere dalla golosità oggi, la ferrea dieta di mesi andrà persa. La componente psicologica andrebbe quindi educata a non guardare sempre gli sgarri come sintomo di errore, ma come premio per la vita che si conduce e per il trantran quotidiano che spesso massacra il morale.

    Fare una colazione al bar può dunque rappresentare una gentile concessione che non va a compromettere il tuo peso forma. Ovviamente tenendo conto di alcuni fattori, ad esempio il tipo di colazione che sei abituato a fare, quante volte ti concedi il lusso di un croissant, e da quanto tempo sei a dieta.

    Il segreto della colazione al bar

    Il segreto insomma di questa colazione al bar pro dieta è andare solo una volta a settimana. Come si evince dall’articolo su www.lettoquotidiano.it, se fai una colazione abbondante con cornetto e cappuccino, e poi a pranzo ti tieni leggero, alla tua forma fisica non accadrà nulla.

    In genere per qualunque peccato di gola, la moderazione e l’equilibrio sono i due fondamentali requisiti per non rimanere impantanati nelle calorie in eccesso.

    Non esagerare con le porzioni

    Quando parliamo di moderazione stiamo facendo riferimento alla quantità. Se pensi di andare al bar e mangiare a dismisura, qualunque cosa tu voglia, allora non hai capito il senso del discorso. Limitatamente ad un croissant e ad un buon cappuccino, la tua colazione da bar non sarà un pericolo iper calorico. Viceversa, se intendi ingozzarti di ogni dolce che vedi in vetrina e rimpinzare lo stomaco nel giro di 15 minuti, vuol dire che la bilancia farà poi la sua parte.

    Chi è abituato ad uno stile di vita sano, mangiando cibi salutari, facendo attività fisica, non può certo risentire di una brioche alla crema e di un dolcissimo cappuccino con schiuma.

    Cosa accade a chi va al bar più di una volta a settimana?

    Ma cosa accade se vai al bar più di una volta a settimana? Diciamo che in linea di massima potrebbe non succedere nulla al proprio corpo, a patto che la moderazione diventi la tua alleata. Più nello specifico, basta evitare graffe e cibi fritti, mangiare un cornetto integrale anziché uno classico, e prediligerlo vuoto (o al max ripieno di marmellata) piuttosto che “cioccolatoso” o ricco di crema.

    Se nel bar che frequenti vengono poi proposti prodotti artigianali come ciambellone o dolcetti vari, cerca di preferirli come cibi a quelli industriali. Magari fai una bella passeggiata dopo aver mangiato, e a pranzo tieniti leggero con della verdura (evitando carboidrati).

    Ricorda che la migliore alleata agli “sgarri” resta l’attività fisica che, oltre a favorire il tuo aspetto fisico, ti permette anche di rimanere in salute. Infine, se vuoi coccolarti più di una volta a settimana a colazione, evita di andare al bar e prepara con le tue mani un dolce goloso, magari moderando le dosi di zucchero e scegliendo ricette che non prevedano burro, olio o latte.