• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Commissario Nazionale alla Sanità C.Na.L su Sanità calabrese

    Commissario Nazionale alla Sanità C.Na.L su Sanità calabrese

    Lo stress test imposto dall’emergenza da Covid 19 sulla Sanità in Italia ha mostrato in maniera evidente tutte le lacune del SSN, sia in termini di strutture e di personale che sotto il profilo della governance. Anche il Nord, investito in pieno dall’onda pandemica, pur forte di un sistema sanitario, tra pubblico e privato, che ha fatto da cuscinetto negli ultimi 20 anni, per le richieste che arrivavano dal Sud del Paese, alla fine ha ceduto ed ha dovuto ricorrere all’aiuto proprio delle regioni del Sud, per fortuna colpite in modo molto marginale dall’emergenza.

    Questa sonora lezione impone adesso di correre ai ripari, invertendo il trend negativo che ha visto susseguirsi una serie di tagli lineari alla spesa sanitaria nazionale che hanno portato la Sanità in Italia ad essere tra le ultime in Europa.

    La Calabria da questo punto di vista è la dimostrazione lampante di incapacità amministrativa e di mancanza di programmazione e può essere presa come esempio, ovviamente negativo, ma con una peculiarità: da anni ormai la Sanità Calabrese è commissariata (dal 2009) e dunque il fallimento nel raggiungimento dei LEA nella nostra regione va imputato, per la gran parte, proprio al Governo o meglio ai Governi che si sono succeduti.

    Per non parlare dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, anch’essa commissariata da anni, vero fanalino di coda in Europa, con circa 1 miliardo di debiti accertati.

    Di questo, e delle possibili misure da intraprendere, parleranno nella conferenza stampa del 28 luglio prossimo, presso il Teatro Metropolitano di Reggio Calabria, dalle ore 10.00, i vertici regionali e nazionali della C.Na.L., il segretario generale C.Na.L. Salvatore Ronghi, il Commissario Nazionale alla Sanità Giuseppe Martorano, il segretario Regionale Sergio Marino e il responsabile provinciale per il settore farmacie e para farmacie Nicola Fotia.

     

     

    Il Commissario Nazionale alla Sanità C.Na.L

    Giuseppe Martorano