• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Andriani: “No agli sbarchi, questa è dittatura”

    Andriani: “No agli sbarchi, questa è dittatura”

    Di seguito la nota diffusa da gabriella Andriani –

     

    M a cosa crede il Governo che abbiamo l’anello al naso e dobbiamo essere trattati come se vivessimo in una giungla?

    Si ha notizia che sono stati istituiti 3 centri covid in città per accogliere gli arrivi di immigrati .

    In piena emergenza sanitaria per cui Conte  ha ipotizzato la proroga fino al 31 dicembre 2020, si continua ad autorizzare sbarchi tra i più vari senza nessuna sicurezza e prevenzione sui contagi. Ciò in nome del grande “business” internazionale che altro non è  che una mercificazione di uomini.

    E non mi si venga a parlare di trattati umanitari perché sappiamo benissimo che i “buonisti” sono solo sodali dei maggiorenti di sinistra i quali, sotto le mentite spoglie della solidarietà, sfruttano la situazione economica dei finanziamenti ai centri di accoglienza.

    Abbiamo subito abbastanza già in passato e ci troviamo nuovamente un’immigrazione che genera solo caos, insicurezza ed ora più che mai, rischio per la salute.

    Chi ha dato l’autorizzazione a tale accoglienza la ritiri perché  la cittadinanza non sopporterà imposizioni che minano il già esiguo quieto vivere e la salute.  Da più parti si stanno generando  tensioni sull’argomento e non sarà una sorpresa se , questa volta, la città si rivolgerà alla piazza ed a forme di reazione imprevedibile.

    Conduciamo da mesi una vita esasperante in termini di economia, preoccupazione per la salute e  garanzia del futuro, costretti ad indossare una mascherina e limitare il lavoro per ottemperare alle misura anticovid. E’ dunque una contraddizione in termini accogliere sbarchi e barconi non controllati che portano persone che potrebbero aumentare i contagi.

    Condivido la reazione della Presidente Santelli e gli appelli di varie istituzioni e di comitati che saranno sempre più numerosi per rivendicare il rispetto del nostro territorio ed il diritto alla salute.

    Inoltre non si accetterà più un tale atteggiamento dittatoriale contro cui si reagirà con forza!