• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria – Associazione “Don Lorenzo Milani”: “Seguire i nostri giovani con iniziative concrete”

    Reggio Calabria – Associazione “Don Lorenzo Milani”: “Seguire i nostri giovani con iniziative concrete”

    “Essere Giovani è stato probabilmente più difficile in passato che ai giorni nostri, almeno dal punto di vista delle condizioni materiali ed economiche. Oggi lo è senz’altro di più dal punto di vista psicologico ed esistenziale. La ragione di tale difficoltà risiede principalmente nella parola libertà”.

    Scrive il Vice presidente dell’associazione di volontariato Don Lorenzo Milani Bruno Toscano che aggiunge: “Premesso che considero la libertà il sommo bene per l’uomo, aggiungo che, contrariamente a quanto comunemente si crede, la possibilità di scegliere fra diverse fra diverse opzioni, in molti casi, genera ansia o addirittura angoscia. In altre epoche il destino di ciascuno era in larga parte deciso dalla nascita; i figli continuavano l’attività del padre, per non parlare delle donne che erano completamente relegate in casa. Oggi ogni giovane ha davanti a sé, riguardanti il proprio futuro lavorativo, sentimentale, spirituale, sessuale, una quantità di opzioni e di possibilità ignorate in passato. Chi è chiamato, spesso lo deve fare al buio. Il mercato del lavoro, rappresenta un grosso problema per i ragazzi di oggi, soprattutto per tutti quelli che non hanno una situazione economica tranquilla. E per onestà bisogna aggiungere che qualsiasi scelta compiuta da un essere umano, per quanto ben ponderata, non può mai definirsi completamente razionale e corretta, perché sono sempre molte le variabili in gioco sconosciute. Quindi il giovane avvertendo l’ansia della scelta come intollerabile, può consegnarsi ai paradisi artificiali della droga, può abbandonarsi a comportamenti devianti. Sono poi gli anni giovanili, quelli delle prime esperienze sessuali, dei primi smacchi amorosi e qualunque esperienza negativa in questa delicata ed intima sfera non è da sottovalutare per i contraccolpi che può avere sull’equilibrio psico-emotivo. I giovani si trovano molto spesso afflitti da profonde crisi d’identità, rafforzate dal fatto che la società li considera maturi come consumatori, ma come soggetti sono costretti per lungo tempo alla dipendenza economica dei genitori. Naturalmente elencare dei rimedi è compito sempre molto difficile. La cosa che si può dire con certezza che almeno dalla scuola un maggiore impegno in questo senso è lecito aspettarselo. Visto che proprio dalla scuola si formerà la futura classe dirigente della nostra società. Contento da cittadino che il Sindaco Giuseppe Falcomatà segua da vicino da sempre questo difficile mondo dei giovani soprattutto con iniziative concrete”.