• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Anche la Calabria sottoscrive il protocollo sicurezza anti contagio da Covid-19 a supporto delle imprese artigiane

    Anche la Calabria sottoscrive il protocollo sicurezza anti contagio da Covid-19 a supporto delle imprese artigiane

     

    Un accordo tra le associazioni artigiane calabresi Confartigianato, CNA, Casartigiani e le organizzazioni sindacali CGIL CISL UIL per costituire il Comitato territoriale al quale le imprese artigiane potranno fare riferimento per l’attuazione nella propria azienda del protocollo di sicurezza anti contagio Covid-19, obbligatorio ai sensi del  D.P.C.M. del 26 Aprile 2020. È quanto è stato sottoscritto nei giorni scorsi con l’affidamento delle funzioni del comitato territoriale all’Organismo Paritetico Artigianato e agli RLST operanti al suo interno.

    «In pratica –  spiega il referente dell’ O.P.R.A. Calabria, Benedetto Cassala –  tutte le piccole imprese artigiane che fino ad oggi non hanno ancora attuato un protocollo obbligatorio anti contagio, né costituito il comitato aziendale di attuazione e monitoraggio, avranno la possibilità di rivolgersi gratuitamente al Comitato Territoriale,  regolarizzando così la propria posizione circa le disposizioni del D.P.C.M., ma soprattutto,  garantendo la sicurezza ai propri lavoratori dipendenti ma anche ai datori di lavoro».

    «Molte – aggiunge Cassala – sono le realtà produttive artigiane, che ancora oggi, hanno ripreso la propria attività senza conoscere gli effettivi adempimenti in materia di sicurezza circa le norme anti contagio e senza aver attuato alcun protocollo anti contagio. Chi non ha avuto la fortuna di essere assistito dalle rappresentanze sociali, si è avventurato in autoregolamentazioni, che nella maggior parte dei casi, hanno portato a spese superflue o addirittura c’è chi ha ripreso l’attività e lo ha fatto senza alcuna azione di prevenzione, a discapito del maggior rischio a cui si può essere esposti durante lo svolgimento delle proprie attività lavorative».

    «Oggi con questo accordo dotiamo l’artigianato calabrese di un supporto in più e nei prossimi giorni inviteremo le istituzioni competenti a partecipare ai tavoli di lavoro del Comitato Territoriale, per agevolare quanto più possibile, la partecipazioni di figure professionalmente preparate che possano assistere nel miglior modo possibile titolari e lavoratori ma, soprattutto, per definire insieme politiche comuni di divulgazione ai fini della prevenzione ed evitare di incorrere anche a pesanti sanzioni».

    «Il Comitato – conclude Cassala – non ha assolutamente obiettivi repressivi ma, al contrario, intende esclusivamente supportare in via preventiva, imprese e lavoratori operando nell’interesse di entrambi».