• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria, Andriani: “In tempo di Coronavirus, Feltri? Occupiamoci di cose più urgenti!”

    Reggio Calabria, Andriani: “In tempo di Coronavirus, Feltri? Occupiamoci di cose più urgenti!”

    Con tutti i problemi da risolvere, in un Paese in ginocchio per salute ed economia ed una realtà sociale alle soglie della rivolta, perdere tempo per rispondere ad uno che “giornalisticamente ” ed intellettualmente è acqua passata, non fa altro che evidenziarlo alla cronaca, mettendolo al centro dell’attenzione, mentre andrebbe solo ignorato. Il Coronavirus ha rubato a tutti la scena, Feltri compreso, non assegniamogli noi una parte.
    Occupiamo meglio, tempo ed opinione, per protestare e sensibilizzare tutti gli Enti preposti a pagare la cassa integrazione poichè da un mese e mezzo, i lavoratori che riuscivano a guadagnarsi un tozzo di pane si sono ritrovati a dover portare a casa la spesa donata dalle associazioni di assistenza ai poveri.
    Concentriamoci e parliamo di imprenditori che si stanno suicidando, promuoviamo azioni politiche intelligenti ed autorevoli, soprattutto per la nostra Terra che aveva riposto le speranze, con il cambio di governance regionale ed in attesa di un rinnovo del Consiglio Comunale,in un rilancio dell’industria del turismo, della cultura, dell’ innovazione e del lavoro.
    Non cadiamo nella trappola di creare divari tra Nord e Sud: siamo tutti sotto lo stesso “tricolore”, ancora una volta bagnato da lacrime e sangue.
    E come meridionali, dimostriamo chi siamo davvero con i fatti e con le azioni.
    Abbiamo il grande onere di riuscire a sopravvivere, sconfiggendo il Covid 19, e rialzare la testa per affermare ancora una volta l’orgoglio della nostra storia, della nostra bellezza e della nostra generosità.
    Così come riusciamo a parlare in modo unanime, da cittadini del Meridione, uniamo le forze politico- istituzionali, per attivare fin da subito un progetto di ricostruzione, impegnando risorse umane ed economiche per questo fine.
    Ci approprieremo così della meritata immagine che può orgogliosamente distanziarci da “etichette” ataviche ed impietose.

    Gabriella Andriani