• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Sasha Sorgonà: “Coronavirus, Reggio continua a lottare. Presto ci riabbracceremo”

    Sasha Sorgonà: “Coronavirus, Reggio continua a lottare. Presto ci riabbracceremo”

    “Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo remare verso una direzione comune. Dobbiamo lottare insieme con la volontà di ritrovare al più presto una vita normale”. Sasha Sorgonà, ideatore di Spinoza e presidente Giovani Confcommercio Rc, invita i reggini a proseguire sulla rotta intrapresa qualche settimana fa.

     

    “La battaglia contro il Coronavirus si può vincere e la vinceremo. Per farlo il prima possibile, serve la piena collaborazione di tutti. Non devono esistere polemiche o colori politici, dobbiamo stringerci attorno all’amministrazione e alle forze dell’ordine che hanno il delicato compito di gestire una situazione complicatissima.

     

    “La stragrande maggioranza dei reggini ha dimostrato senso civico e rispetto verso gli altri, di questo non avevo alcun dubbio. Dispiace per i pochi casi isolati nei quali cittadini non hanno rispettato le normative da seguire, una piccola percentuale di trasgressori si è verificata in tutte le regioni d’Italia.

     

    Reggio Calabria -sottolinea Sorgonà- sta vincendo la sua battaglia, i numeri degli ultimi giorni relativi ai nuovi contagi si stanno avvicinando allo zero, segno tangibile che cittadini, istituzioni e strutture sanitarie hanno operato in sinergia, uniti verso lo stesso obiettivo.Non è questo però il momento di abbassare la guardia -evidenzia l’ideatore di Spinoza- il tragitto verso il ritorno alla normalità è ancora lungo.

     

    “Quando il mondo intero e’ sulle tue spalle, ti potrei offrire un caldo abbraccio per farti sentire il mio amore”, recita un verso di una celebre canzone di Bob Dylan, dal titolo ‘Make you feel my love’. Il caldo abbraccio, che dobbiamo verso tutte le persone che stanno soffrendo, i loro familiari e gli straordinari medici e operatori sanitari che combattono in prima linea, non può che essere virtuale.

     

    Presto ci ritroveremo anche fisicamente, e lo stesso abbraccio lo rivolgeremo alla nostra bellissima città.