• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Marziale sul trasferimento del giudice Di Bella

    Marziale sul trasferimento del giudice Di Bella

    “Da ieri mattina, Roberto Di Bella è il nuovo presidente del Tribunale dei Minorenni di Catania. Il dottore Di Bella assumerà il prestigioso dal prossimo mese di maggio dopo 25 anni di attività a Reggio Calabria, dove ha scritto pagine di storia rivoluzionarie”. Lo rende noto il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale.

    “Il presidente Di Bella – spiega il Garante – certamente ha conferito a questa città, alla nostra regione, autorevolezza e credibilità, assumendo sempre posizioni equilibrate nei confronti di bambini, adolescenti e famiglie finiti nei gangli del sistema giudiziario. In questi anni di mio mandato l’ho coadiuvato nel processo di affermazione del Protocollo “Liberi di Scegliere”, noto al mondo come “Metodo Di Bella”, che permette ai figli di famiglie mafiose di affrancarsi volontariamente da un destino crudele. Sono confluiti in città giornalisti e troupe televisive da ogni parte del mondo, dalla Cina all’Australia, e ne è scaturito un film che la rete ammiraglia della Tv di Stato ha trasmesso con successo di pubblico. Il metodo – continua Marziale – sta rivelandosi vieppiù efficace e tante cominciano ad essere le storie di giovanissimi che oggi guardano alla propria esistenza con prospettive diverse”.

    “Ho condiviso giornate difficili con il presidente Di Bella, ed altrettante commoventi – spiega il Garante – ogni qualvolta un ragazzo aiutato è venuto a tendergli le braccia al collo. Rimango, dunque, depositario privilegiato di un’esperienza che la storia si incaricherà di scrivere come uno dei miracoli nati e cresciuti nella nostra Reggio Calabria, nella nostra Calabria”.

    Marziale così conclude: “Sono grato al presidente Di Bella per tutto ciò che ha fatto, gli auguro buon lavoro nella sua terra, la Sicilia, garantendogli continuità in termini di sostegno per una iniziativa che non conosce confini e spazi temporali, il Protocollo “Liberi di Scegliere”.