• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Ferraro (Fials): “Sanità sia sottratta dalle grinfie rapaci della politica regionale”

    Ferraro (Fials): “Sanità sia sottratta dalle grinfie rapaci della politica regionale”

    “Nonostante la condanna notificata del Giudice del Lavoro di CZ per comportamento antisindacale nei confronti della FIALS né Cotticelli né Oliverio intendono porre rimedio alla tragica situazione sanitaria che loro stessi hanno principalmente creato.

    Sono 5 mesi che 8 Aziende Sanitarie Calabresi non hanno una guida, sono 9 mesi che Cotticelli è stato nominato dai 5 Stelle e non si è visto un solo decreto né di assunzioni né di programmazione sanitaria tranne il Remake peraltro sbiadito delle assunzioni di Scura.

    Anzi sono stati chiusi altri 3 punti nascita .

    Non c’è settore della Sanità Calabrese che non sia in rivolta.

    Dalla sanità convenzionata che aspetta i budget e firma dei contratti per il 2019/2020, al precariato che si è formato grazie alla Madia prima ( PD ) e alla Buongiorno poi, per finire da ultimo ma non per ultimo allo stato disastroso degli Ospedali ( pochi ) calabresi che nega continuamente il diritto costituzionale alla salute dei cittadini calabresi.

    Il tutto condito da 2 scioglimenti di ASP ( CZ e RC ) per infiltrazioni mafiose e da un deficit che sfiora i 200 milioni.

    Un Decreto Calabria , pomposamente definito storico da chi ormai intende la politica come rendita vitalizia e di poltrone, che ha prodotto guasti e danni a quel poco di buono che era rimasto della Sanità Calabrese.

    Come se ne esce ? Sicuramente riportando la sanità pubblica che deve restare universale ed unica nell’alveo dello Stato sottraendola , con una modifica costituzionale , alle grinfie rapaci della politica regionale.

    Poi intervenendo legislativamente nelle funzioni e competenze del SSN inasprendo le pene per coloro che commettono contro la pubblica amm.ne .

    Quindi creando 21 Agenzie Autonome che gestiscano la Sanità per conto e in nome dello Stato.

    Accelerare i processi dei fabbisogni sia delle risorse umane che dei costi standard rendendoli omogenei in tutta Italia.

    Rinnovo contrattuale certo e definito , valorizzazione delle competenze mediche, tecniche ed infermieristiche sono infine l’ultimo tassello di una eventuale rinascita sanitaria”. Lo afferma il segretario generale Fials Calabria, Bruno Ferraro.