• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Sera (Cisl Fp) soddisfatto per stabilizzazione Lsu-Lpu San Luca (RC)

    Sera (Cisl Fp) soddisfatto per stabilizzazione Lsu-Lpu San Luca (RC)

    La stabilizzazione dei lavoratori ex lsu lpu del Comune di San Luca, nasce dalla caparbietà di una Governace Commissariale che da tempo ha avuto in mente e che nel rispetto della normativa, ha portato avanti fin dal suo primo insediamento.

     

    Così dichiara Vincenzo Sera,  Segretario Generale della Cisl Funzione Pubblica di Reggio Calabria.

    Diverse sono state le riunioni ed i tavoli tecnici dove hanno registrato la partecipazione delle OO.SS.  e della RSU, dove la CISL Funzione Pubblica con il Segretario Generale Aggiunto Giuseppe Rubino ha contribuito alla definizione del processo di stabilizzazione senza fare proclami di merito.

    La CISL Funzione Pubblica, intuendo da subito le nobili intenzioni del Commissario Straordinario dott. Salvatore Gulli e di tutto il personale che in questi anni ha collaborato con lo stesso, ha partecipato ai tavoli di confronto con determinazione per tutelare tutti i lavoratori.

    Vertenze seguita con passione da parte della nostra Organizzazione Sindacale, non possiamo dimenticarci il tavolo tecnico più importante dove la CISL Funzione Pubblica, presente assieme ai lavoratori, ha supportato e condiviso l’azione Commissariale.

    Un lungo percorso che non ha avuto bisogno di nessun suggerimento, ha trovato al momento giusto un Commissario Straordinario del Ministero dell’Interno con un grande senso e rispetto delle norme ma in particolar modo dello Stato.

    E’ stato un susseguirsi di decreti legge, ed alla fine il nuovo concetto di fabbisogno del personale, permette ora agli enti locali, in piena autonomia, di poter programmare le proprie assunzioni nel limite finanziario massimo di spesa possibile.

    Consente anche ai piccoli Comuni in modo flessibile di poter procedere all’assunzione in caso di cessazione di un dipendente a tempo pieno con due dipendenti in part-time.

    Queste nuove opportunità, oltre agli incentivi messi a disposizione dalla Regione con la storicizzazione delle somme e dal Ministero, hanno reso possibile il realizzarsi di un sogno per i dipendenti a tempo determinato ex LSU LPU,  che dopo tanti anni ristabilisce dignità per gli stessi, ma ancor più,  ha premiato il certosino lavoro del Commissario Straordinario dott. Salvatore Gulli, che tra vincoli normativi, vincoli di bilancio e vincoli finanziari l’ha visto impegnato in una faticosa maratona per portare a termine l’obbiettivo già prefissato.

    E’ stata una fattiva e leale collaborazione tra i diversi attori interessati alla procedura. Da una parte l’Ente, il Comune di San Luca con a capo Il Commissario Straordinario e tutti i dipendenti,  dall’altra le OO.SS. con la RSU.

    La stabilizzazione dei lavoratori ex LSU LPU del Comune di San Luca è l’esempio

    che tutti dovrebbero seguire, infatti supportati dalla nutrita produzione legislativa per convincere la maggior parte dei “SINDACI”, che forse è il caso di riconoscere a questi lavoratori la possibilità di agganciare quella opportunità di futuro professionale che si sta offrendo loro.

    In assenza di una volontà politica, e di un piano di stabilizzazione dei lavoratori provenienti dal bacino Lsu e Lpu, i contratti non possono essere più prorogati.

    Piano che, d’altra parte, deve per legge poggiare su due pilastri: effettivo fabbisogno di personale previsto su base triennale e copertura finanziaria.

    La stabilizzazione, dopo un ventennio di lavoro nero di Stato, resta ancora un miraggio!

    Esiste, altresì, nella nostra Provincia “Città Metropolitana”,  un gruppo di lavoratori a tempo determinato ex LSU LPU,  continua il Segretario Generale Vincenzo SERA, senza volto e senza identità, presso l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, una ventina di  persone che per oltre 20 anni hanno lavorato con contratti a progetto, garantendo supporto e servizi, e dal 2015 lavoratori con contratto a tempo determinato.

    Da quando hanno sottoscritto i contratti a tempo determinato, sono diventati figli di un Dio minore, prestando la propria attività professionale senza possibilità di affermarsi sul lavoro.

    Infine si può asserire continua il Segretario Generale Vincenzo Sera, che ci aspetterà un autunno caldo dal punto di vista vertenziale, ci sono delle responsabilità di fronte alle quali non ci si può tirare indietro per le ragioni sopra indicate ma soprattutto perché tale condizione non è più tollerabile in uno Stato Civile.

    Il Segretario Generale

    CISL FP Reggio Calabria

    Vincenzo Sera*