• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Il centro dialisi di Taurianova non chiude. Riunione in prefettura

    Il centro dialisi di Taurianova non chiude. Riunione in prefettura

    Il Prefetto Vicario Dr.ssa Anna Aurora Colosimo, ha presieduto la tanta attesa riunione, tenutasi nella Prefettura di Reggio Calabria, sulle annose problematiche riguardante il Centro di attività nefro-dialitica di Taurianova.
    Alla riunione hanno partecipato, la Dr.ssa Maria Carolina Ippolito, della Commissione Straordinaria ASP di Reggio Calabria, il Dott. Domenico Forte, Direttore Dipartimentale Emergenza Urgenza dell’ASP ed il Dr. Pino Pardo, Presidente Comitato di Tutela “Pro-Centro dialisi di Taurianova”.

    Il dottor Pardo – essendo testimone della grave malattia dei reni avendo egli stesso sostenuto prima la “prova” della dialisi e poi il trapianto del rene – con una minuziosa, appassionata relazione, ha rappresentato le note criticità relative alla carenza del personale Medico, Infermieristico e OSS che sono fino ad ora di ostacolo per il normale svolgimento dell’attività dialitica e non solo.
    La Dr.ssa Ippolito – in maniera delicata, garbata e suadente – ha mostrato da sùbito vivo interesse, facendo proprie (compenetrandosi nelle situazioni di disagio illustrate da Pardo) le difficoltà operative del “Centro” e con molta ben disposizione, alla risoluzione dei problemi, si è concentrata su “ciò che serve”, su “ciò che va fatto” e sulla necessità di “farlo subito” recependo, con sensibilità evidente e calore umano, che, per il Centro Dialisi di Taurianova, si tratta di un doveroso servizio da espletare per dare la “giusta” soddisfazione di “bisogni di salute” in favore degli ammalati renali residenti nella Piana. Al termine della riunione, guidata con competenza e viva cordialità dal Prefetto-Vicario Dr.ssa Colosimo, i rappresentanti della sanità, hanno ravvisato la necessità di procedere per l’assunzione di tre “nuovi” Medici, un infermiere ed un operatore sanitario al fine di avviare alla serenità operativa la struttura di Taurianova. Ferma restando la disposizione di servizio dove si autorizzavano, formalmente, i Dirigenti Medici Nefrologi in servizio presso i centri Dialisi di Scilla e di Locri a contribuire alla copertura dei turni di servizio del personale medico presso il Centro di Taurianova. Dalla Riunione sono emerse, in concreto, queste decisioni:
    Il Centro dialisi di Taurianova non chiude anzi sarà potenziato; verranno assunti tre “nuovi” medici, un infermiere (altra unità è stata assunta nei giorni scorsi) ed un altro OSS (operatore sanitario). In totale, nel Centro dialisi e di nefrologia di Taurianova, opereranno cinque medici; dodici infermieri e quattro operatori sanitari.
    Il dott. Forte, ed il dr. Pardo, hanno concordato per l’avvio di una fattiva stretta collaborazione per affrontare serenamente e costruttivamente le problematiche del “Centro”. È auspicio del Presidente Pardo che il dott. Forte, riconosciuto indiscusso efficace Dirigente, che conosce bene la realtà del “Centro”, possa essere il Funzionario “chiave” in grado di recepire le proposte migliorative del Dott. Bruzzese – responsabile dell’unità nefro-dialitica di Taurianova – che da tempo propone e che conosce, oggettivamente, la realtà Taurianovese e della Piana. Il Presidente Pardo ha molto apprezzato la saggia e lodevole apertura, del Dirigente Forte, dichiarandosi pronto a dare inizio all’azione di collaborazione.
    Il Comitato, considerato il lavoro svolto dai rappresentanti delle istituzioni, recepisce l’attività di “buona sanità” emersa dalla costruttiva riunione e si augura che il Commissario Dr. Saverio Cotticelli, sia benevolmente disposto a facilitare questo difficoltoso cammino verso la normale operatività del “centro”.
    Il Presidente Pino Pardo porge un grazie superlativo a S.E. il Vescovo Milito ed al Signor Prefetto Di Bari per la provvidenziale opera svolta a favore dei dializzati, trapiantati del rene e di tutti gli utilizzatori del Centro Dialisi di Taurianova.
    Pino Pardo, già dializzato e trapiantato del rene