• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Polistena (RC) – Tripodi: “Tutela della salute priorità per i calabresi”

    Polistena (RC) – Tripodi: “Tutela della salute priorità per i calabresi”

    “Poco fa, sapendo della sua visita a sorpresa, ho pensato di raggiungere il sig. Ministro alla Tutela della Salute Giulia Grillo presso l’ospedale di Polsitena” – scrive il Sindaco di Polistena Michele Tripodi.

    “Nel poco tempo che ho avuto a disposizione per colloquiare col sig. Ministro, ho rappresentato quelle che a mio avviso sono le priorità per la sanità pubblica territoriale e per l’ospedale di Polistena: assumere nuovo personale per far fronte agli enormi vuoti di organico e sbloccare i fondi dormienti (9 milioni di euro) stanziati in passato per la ristrutturazione e l’ampliamento degli spazi dell’ospedale di Polistena.
    Inoltre mi sono soffermato sulla questione del reparto ostetricia e del carico di lavoro e dell’incremento dei parti a seguito della chiusura di altre strutture prima operative sul territorio.
    Infine ho affrontato pure l’estenuante problematica che accompagna la costruzione dell’ospedale nuovo nella Piana, una storia infinita che richiede un impegno urgente per il potenziamento dei servizi e delle strutture sanitarie esistenti partendo dall’ospedale di Polistena.
    Ho avuto modo anche di conferire con il generale Cotticelli nuovo Commissario alla Sanità calabrese, al quale ho chiesto di avviare quanto prima i bandi per le nuove assunzioni destinate ai reparti del nostro ospedale.
    Ringraziamo il sig. Ministro e il Generale Cotticelli per questo sopralluogo, ancorchè a sorpresa, i quali evidentemente hanno ascoltato e risposto anche al nostro ultimo appello per la sanità pubblica lanciato di recente.
    Auguriamo che tale visita e quanto emerso nell’incontro di oggi possa sortire un profondo cambiamento e migliorare lo stato di cose.
    La tutela della salute, in quanto diritto di tutti i cittadini, è per noi collocato al primo posto dei bisogni popolari dei calabresi, in un territorio dove spesso lo stesso è stato negato!”