• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria – Uiltrasporti preoccupata per i lavoratori del porto

    Reggio Calabria – Uiltrasporti preoccupata per i lavoratori del porto

    La Uiltrasporti ancora una volta è seriamente preoccupata per la confusione che si sta generando tra i lavoratori del porto. Confusione alimentata da chi oggi cerca di recuperare una verginità ormai perduta, creando degli allarmismi inutili e proponendo delle false aspettative ai lavoratori.

    Ancora una volta, siamo costretti ad intervenire a mezzo stampa per precisare quanto fatto dalla Uiltrasporti in questi giorni di feste tristi per i lavoratori licenziati ingiustamente dalla MCT e posti nella Port Agency di Gioia Tauro in attesa di essere ricollocati, lavoratori che, purtroppo, non hanno percepito gli stipendi di novembre.
    Questo è quanto accaduto. Il 18 dicembre l’Autorità portuale di Gioia Tauro ci informava che il decreto degli stipendi era stato mandato all’INPS per effettuare i relativi pagamenti.
    Successivamente, a seguito del ritardo, ci vedevamo costretti a chiedere un intervento immediato della Prefettura di Reggio Calabria che, immediatamente, chiedeva al funzionario dell’INPS delle delucidazioni per quanto concerne il mancato pagamento degli stipendi (IMA).
    La Prefettura alle ore 19.00 ci informava che, per una serie di problemi tecnici, non era stato possibile effettuare i pagamenti prima delle festività, ma la stessa aveva avuto la garanzia (da parte del funzionario dell’Inps) che alla riprese delle attività lavorative le pratiche relative agli stipendi sarebbero state lavorata con priorità.
    Comprendiamo il malessere delle famiglie di questi lavoratori che, malgrado alcuni di essi abbiano viste riconosciute le proprie istanze dal Tribunale di Palmi – sezione lavoro -, con la reintegra nel posto e nelle mansioni in precedenza occupati nonché al pagamento dell’indennità risarcitoria, hanno passato le festività senza soldi.
    Mentre, condanniamo questa strumentalizzazione dei lavoratori chiamati a protestare solo e solamente per dare visibilità a chi fino a oggi ha mostrato palesemente altri interessi.
    Infine, cogliamo l’occasione per esprimere gratitudine per l’interessamento celere della Prefettura di Reggio Calabria che, con senso di responsabilità e la giusta attenzione sempre dimostrata a queste problematiche, ci informava che il lavoratori tutti avrebbero trovato gli stipendi lunedì 14 nei propri conti correnti.