• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / A Stalettì il Natale è D’A…Mare

    A Stalettì il Natale è D’A…Mare

    Presentata la kermesse natalizia. Artisti internazionali per il
    Presepe di Sabbia

    La sabbia, elemento che richiama atmosfere d’estate, utilizzato come
    materia prima per la creazione di un presepe artistico. Un borgo
    antico, spesso poco valorizzato nel periodo invernale, pronto a
    vestirsi d’incanto per il Natale alle porte. Sono questi gli
    ingredienti di Natale D’A…Mare, manifestazione organizzata a
    Stalettì dalla Cop.e.l. e illustrata lunedì scorso nel corso di una
    conferenza stampa di presentazione che ha visto la partecipazione, tra
    gli altri, anche del sindaco di Stalettì Alfonso Mercurio, del
    presidente di Confcommercio Catanzaro Pietro Falbo e del parroco Don
    Roberto Corapi. L’iniziativa – che partirà ufficialmente domenica 8
    dicembre per poi protrarsi fino al 13 gennaio – avrà come fulcro la
    costruzione di un grande villaggio natalizio nel cuore del paese
    ionico: duecento metri quadrati dedicati alle creazioni in sabbia di
    artisti internazionali che giungeranno a Stalettì da diversi paesi
    d’Europa; tutto intorno, poi mercatini a tema dedicati alla tradizione
    e alla degustazione di prodotti tipici regionali. Concerti,
    presentazioni, momenti di aggregazione e un lungo percorso di
    luminarie (oltre centocinquanta metri) completeranno il programma
    delle attrattive.

    «Quarant’anni fa, per mia iniziativa, Stalettì è stato teatro della
    prima coppa del mondo di tuffi – ha commentato il direttore artistico
    della kermesse, Joe Calabretta – con lo stesso spirito e la stessa
    apertura all’innovazione si dà impulso a questa manifestazione con
    l’obiettivo di regalare un Natale diverso al nostro territorio e di
    valorizzarne le peculiarità anche nel periodo invernale». A vivere il
    villaggio saranno anche i bambini delle scuole grazie ai protocolli
    d’intesa firmati dalla Cop.e.l. con più di un istituto della
    provincia: «molte visite guidate, sia in fase di lavorazione che di
    esposizione, sono già state calendarizzate ed altre lo saranno nelle
    prossime settimane». Manifestazione accolta con entusiasmo anche
    dall’Amministrazione comunale che ha concesso – insieme alla Camera di
    Commercio e alla Confcommercio di Catanzaro, all’AVIS Provinciale e
    alla Parrocchia Santa Maria Assunta di Stalettì – il suo patrocinio:
    «Iniziative di questo genere possono ampliare il panorama turistico
    del nostro paese facendolo andare al di là della semplice dimensione
    estiva – hanno ricordato il sindaco Mercurio e il vicesindaco Mirarchi
    – L’augurio è che possa riuscire e che possa diventare, nei prossimi
    anni, un appuntamento fisso per il nostro comune». Sostegno
    all’iniziativa è arrivato anche da Pietro Falbo, presidente di
    Confcommercio Catanzaro per il quale «l’iniziativa incarna a
    perfezione le linee guida del piano turistico nazionale»: «E’ solo
    creando contenitori così ricchi e variegati che si possono valorizzare
    i borghi del nostro territorio – ha detto – Attraverso simili
    attrattive è possibile rilanciare le dinamiche sociali, commerciali ed
    economiche del comprensorio». «Un seme che porterà frutto» l’ha
    definito invece Don Roberto Corapi citando San Paolo VI per
    sottolineare l’importanza del «fare squadra per costruire la civiltà
    dell’amore» e richiamando San Francesco d’Assisi per «la sacralità del
    presepe, simbolo di comunione e di pace». In concomitanza con
    l’inaugurazione del villaggio, prevista anche la riapertura al culto
    della chiesa matrice come annunciato dallo stesso parroco a margine
    della conferenza stampa.

    Già iniziati i lavori per la costruzione del villaggio – sistemato
    sull’ex campo San Gregorio – da giorno 21 il via alla lavorazione
    della sabbia per la creazione del presepe da parte degli artisti
    spagnoli Sergi Ramirez e Monserrat Cuesta, del russo Slawa Emilianenko
    e dell’ucraino Nikolay Torhov.