• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Il concerto “Cento anni della canzone italiana”

    Cosenza – Il concerto “Cento anni della canzone italiana”

    L’Associazione “Cherry SAF”, da sempre impegnata in progetti di rilievo socioculturale, oggi, vuole invitare i propri follower ad un imperdibile spettacolo, Unico per la nostra Città.

    Un importante concerto dal tema: “Cento anni della canzone italiana”, organizzato e presentato da Gianfranco Labrosciano, Presidente del Centro Studi “Gianfranco Labrosciano” e da Angela Gatto, Presidente del Convegno di Cultura “M. Cristina di Savoia”, sezione di Cosenza.

    L’apparente durezza di una lingua che risulta spigolosa nei suoi suoni, si lascia plasmare dalla Voce di Ilenya, cantante rumena, che sta affascinando intere platee in tutta Italia e che punta a costruire quel “ponte Altro”, di cui parla il critico Gianfranco Labrosciano, tra Italia, Romania ed il resto del mondo.

    La cantante riesce a creare intorno a sé un’atmosfera Magica che rapisce tutti i sensi. Se la si ode cantare in lingua napoletana, quasi si “sente” il profumo, il sapore di Napoli, si toccano le pareti dei vicoli, si ode la dolce nènia del mare, si vedono i colori accesi dei toni appassionati che… vengono fuori dall’ugola di una figura angelica, che quasi sfugge al “tocco” della vista… ma alla quale non si può sfuggire. Ebbene, questa donna, intonando le note di una canzone partenopea, offre il suo corpo etereo ed il suo candore all’Anima di una Vera “Femmena” napoletana.

    Ilenya si esibirà con l’intero repertorio delle più belle Canzoni Italiane che hanno fatto la Nostra storia. Ilenya, la Voce che “grida” anche, senza mai urlare, il riscatto del Suo popolo rumeno, intonando melodie mai ascoltate. Una Voce che non vuole essere semplicemente ascoltata ma… “sentita”. In questo affascinante Evento, la cantante si pone come trait d’union tra lingue differenti che, attraverso la Musicalità delle parole, possano creare una sinergia tra popoli. Incontro d’Anime che intraprendono un Viaggio Emozionale “lungo” Cento Anni.