• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Cinecircolo Grande, Aprile d’Autore si chiude col caso di David Rossi

    Cosenza – Cinecircolo Grande, Aprile d’Autore si chiude col caso di David Rossi

    Il CineCircolo “Maurizio Grande di Diamante chiude oggi pomeriggio l’anno di “Aprile d’Autore”, con Il caso David Rossi.
    Il suicidio imperfetto del manager Monte dei Paschi di Siena di Davide Vecchi precipitato dalla finestra del suo ufficio in circostanze ancora da chiarire, (Edito da Chiarelettere).
    L’appuntamento è l’ultimo dei quattro idealmente dedicati, quest’anno, allo storico Leopoldo Pagano, figura culturale fondamentale nella vita cittadina ed ha il patrocinio del Comune di Diamante, Assessorato alla Cultura e Turismo.
    Alla presentazione sarà presente l’autore Davide Vecchi, inviato del “Fatto Quotidiano” che si occupa da anni di cronaca giudiziaria e politica e ha seguito “le hard news degli ultimi anni. Dal caso Ruby allo scandalo Mose fino a Mafia Capitale”.
    Per il suo articoli e i suoi libri, Vecchi, è uno dei giovani giornalisti e saggisti più apprezzati dai lettori, per l’incisività e il coraggio delle sue inchieste. Con lui, sabato, interverranno il giornalista Martino Ciano, il direttore artistico del Cinecircolo Maurizio Grande, Francesco Presta; il direttore tecnico del Cinecircolo Ferdinando Romito.
    Un’inchiesta chiusa con troppa fretta, mille buchi e clamorosi errori nelle indagini. Questo libro entra nella scena del delitto attraverso documenti inediti e mette in fila fatti, perizie, lacune, testimonianze decisive. Un racconto attento e appassionato, minuzioso e pieno di suspense, che conduce il lettore a un passo dalla verità.
    Davide Vecchi ha seguito fin dall’inizio le inchieste relative a Mps. È a processo con Antonella Tognazzi, vedova di David Rossi, per aver pubblicato le mail che il manager aveva inviato all’amministratore delegato due giorni prima di morire.
    Un processo singolare, oggetto di interrogazioni parlamentari, del quale si è occupato anche il Global Freedom of Expression della Columbia University di New York, ritenendolo un tentativo di limitare la libertà di stampa.