• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Messina, presentato primo progetto degli “Ecospazio urbani”

    Messina, presentato primo progetto degli “Ecospazio urbani”

    Presentata oggi al Consiglio del terzo Quartiere la proposta di rigenerazione della piazzetta di Camaro S. Paolo, nell’ambito del progetto “Ecospazi urbani”, promosso dall’assessorato Ambiente e Nuovi Stili di Vita e dagli ordini professionali aderenti all’iniziativa. Il presidente del quartiere ed i consiglieri hanno apprezzato il progetto definitivo, illustrato dall’arch. Giuseppina Vinci, che ne ha curato la realizzazione con l’arch. Michela De Domenico e con il geom. Emanuele Gerola. L’idea progettuale era stata “costruita” con la partecipazione del quartiere e dei cittadini e nei prossimi giorni verrà ripresentata nel territorio per raccogliere le ultime indicazioni. “E’ un esperimento di progettazione partecipata – dichiara l’assessore Daniele Ialacqua – che vede il coinvolgimento dei cittadini non solo nella fase della progettazione ma anche della rigenerazione sociale e culturale dello spazio ristrutturato. La piazzetta di Camaro S. Paolo fa parte dei primi 5 ecospazi urbani individuati sulla base delle indicazioni dei cittadini e dei quartieri che sono ubicati a Camaro, Pistunina, Villaggio Santo, Giostra S.Matteo e Giostra S. Chiara. Il progetto è stato avviato nel 2015 con la delibera di Giunta Ecospazi urbani, seguita dalla firma del protocollo di collaborazione con gli ordini professionali e quindi dalle assemblee promosse dal Laboratorio Messina per i beni comuni nel 2016. Grazie all’impegno dell’Ordine degli architetti e del Collegio dei geometri ed alla collaborazione dei dipartimenti Lavori Pubblici e Cimiteri e Verde rubano, dei Quartieri e dei cittadini coinvolti, oggi finalmente si arriva alla presentazione dei progetti definitivi. Gli stessi, finanziati con risorse attinte da fondi regionali per la partecipazione, verranno presentati nelle prossime settimane nei territori interessati – conclude Ialacqua – e verrà attivato un nuovo percorso di partecipazione per individuare ulteriori siti da finanziare con i fondi 2018”.