• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Catanzaro – Anteprima nazionale al Nuovo Supercinema The Ghost of Dachau

    Catanzaro – Anteprima nazionale al Nuovo Supercinema The Ghost of Dachau

    Il viaggio, gli incontri. Esterno giorno di un mattino di dicembre, il pullman parte e arriva a Dachau. Il tempo si ferma nel campo di concentramento, visitarlo diventa l’input di un reportage video nel vento freddo di Germania.

    Gli scambi. Interno sera. Due persone parlano al telefono e si scambiano idee: “Sai, sette anni fa ho girato un reportage sul campo di concentramento di Dachau” – dice lui. “Interessante” – risponde lei. L’idea in un attimo diventa oggettivamente realizzabile. “Perché non mettiamo insieme forme d’arte come il teatro e la musica attualizzate insieme allo storytelling?” Manca il terzo elemento fondante. Il sociologo storyteller è presente, l’attrice anche e il cerchio si chiude con il giornalista cantautore. Nasce così il progetto “The Ghost of Dachau”, per non dimenticare gli orrori delle guerre, per non dimenticare la segregazione razziale e la ferocia del Nazismo.

    Fulvio D’Ascola, il sociologo storyteller, Marcello Barillà il giornalista cantautore e l’attrice Anna Macrì sono i protagonisti di questo spettacolo teatrale, con la partecipazione del M° Demetrio Fortugno al sax soprano. Una forma di spettacolo che si compone e si scompone con luci e video, con canzoni e coinvolgente recitazione, tra immagini in bianco e nero e frammenti di melodie e suoni.

    Al Nuovo Supercinema di Catanzaro, venerdì 2 marzo alle ore 20.30, “The Ghost of Dachau. Per non dimenticare” andrà in scena in anteprima nazionale e cresce l’attesa per scoprire la multimedialità di un evento che è destinato al pubblico dei teatri ma contiene in sé tutte le premesse per diventare un format destinato alle scuole, perché la cura e la trasmissione della memoria degli e/orrori del passato servono soprattutto a coltivare la formazione delle nuove generazioni. Il seme del male è piantato sin dal tempo di Caino e non si smette mai di doverci fare i conti.