• Home / ARCHIVIO / Catania / Fondi Ue, Paola deve puntare sul turismo religioso

    Fondi Ue, Paola deve puntare sul turismo religioso

    Di seguito nota stampa Aldo Patricello (FI) -Paola deve puntare strategicamente sul turismo religioso. Non ci sono altre vie di sviluppo per questo territorio che deve saper valorizzare le sue risorse identitarie. Un comparto turistico ben attrezzato, in grado di ospitare il grande numero di pellegrini in arrivo per San Francesco, può essere la svolta che questa comunità attende. I finanziamenti europei devono accompagnare la crescita di questa importante città. È vero che le risorse europee sono di meno rispetto al passato; ma non sono affatto poche, così come è vero che le procedure per intercettarle sono più snelle.
    È questa la strada che la città di San Francesco deve percorrere. È quanto sostiene l’europarlamentare di Forza Italia, Aldo PATRICIELLO, che VENERDÌ 28 MARZO  parteciperà all’incontro promosso da FI nei locali del complesso Sant’Agostino alle 17,30.
    Lo stesso titolo del dibattito, “L’Europa da vicino, la sfida delle opportunità”, a cui parteciperò –dichiara  PATRICIELLO- rappresenta la nostra idea di territorio e sviluppo. L’Unione Europea è un’opportunità per il nostro Sud, e soprattutto per la splendida città di Paola che può vantare un grande patrimonio spirituale e umano. Non disperdere, condividere ed investire su questo grande valore è e sarà l’imperativo per tutti noi. La strada maestra è certamente quella dell’impegno e dell’iniziativa economica e sociale, ma soprattutto la capacità di intercettare e saper spendere i fondi europei. Oggi è molto più facile accedervi. È molto più agevole anche per le tante piccole e medie imprese di quest’importante area della provincia di Cosenza”.
    All’incontro di Paola promosso da Jole Santelli, parlamentare e coordinatrice regionale di FI parteciperanno i parlamentari di Forza Italia, Pino GALATI e Roberto Occhiuto, il consigliere regionale di FI, Ennio MORRONE, l’assessore regionale al Bilancio, Giacomo MANCINI, Domenico ARENA e Pasquale LAMBOGLIA. Introduce i lavori Luca MANNARINO.