• Home / ARCHIVIO / Catania / Catania:emergenza rifiuti, se ne discute in Parlamento

    Catania:emergenza rifiuti, se ne discute in Parlamento

    “Nella provincia etnea c’e’ una emergenza rifiuti che sta passando inosservata. Bisogna intervenire in tempo per evitare quello che e’ successo in Campania”. Lo dice il parlamentare del Pd e componente della commissione nazionale Antimafia, Giovanni Burtone, che annuncia la presentazione di una interpellanza parlamentare. “Sulla questione rifiuti in Sicilia – dice Burtone – con i colleghi Giuseppe Berretta e Marilena Samperi presenteremo una interpellanza parlamentare urgente e chiederemo al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo di riferire in aula. In questi giorni nel catanese si sta vivendo una emergenza di cui a livello nazionale non se ne sa niente”. L’inefficienza della gestione degli Ato, sottolinea Burtone, “ha creato e continua a creare enormi disagi alla popolazione. In piu’ occasioni si e’ sfiorato l’allarme igienico-sanitario. Da giorni e’ in atto lo sciopero dei lavoratori che si occupano della raccolta in una decina di comuni etnei. Protestano, giustamente, per la mancata erogazione degli stipendi”. Nei 18 comuni gestiti dall’Ato 3 si sono formati enormi cumuli di spazzatura e i sindaci “sono stati lasciati soli. I lavoratori sono esasperati, ma nessuno fa nulla. Il risultato della cattiva gestione degli Ato e’ sotto gli occhi di tutti e il governatore della Regione Sicilia resta a guardare. La sensazione che si ha e che si vuole arrivare al collasso del sistema. A pagarne le conseguenze, per il momento, sono i lavoratori e i cittadini dei comuni pedemontani, le cui strade sono diventate delle discariche a cielo aperto”. L’emergenza rifiuti sara’ al centro di un incontro con la stampa che si terra’ lunedi alle 10, nella sede catanese del Pd in via Perugia 10. Oltre ai parlamentari nazionali saranno presenti i deputati regionali e il segretario provinciale del Pd, Luca Spataro. Ieri i lavoratori hanno occupato le sale consiliari dei Comuni interessati.