• Home / ARCHIVIO / Catania / Catania: ritornano due sculture di Francesco Messina

    Catania: ritornano due sculture di Francesco Messina

    “Lo Stallone” e “La Romantica” torneranno presto a Catania ad occupare i loro siti naturali in piazza Vittorio Emanuele III e in piazza Europa.

    Lo ha annunciato l’assessore per i Beni e le Attività Culturali Fabio Fatuzzo che con il dott. Francesco Barone, in rappresentanza del comune di Linguaglossa, ha definito la riconsegna alla città di Catania, così come preannunciato dal Sindaco Raffaele Stancanelli delle sculture del Maestro Francesco Messina, concesse in comodato d’uso alla cittadina di Linguaglossa nel dicembre scorso.

    L’Assessore Fatuzzo, non appena insediato, si è subito prodigato per la definitiva restituzione delle due magnifiche sculture interpretando in tal modo, il desiderio dei catanesi di rivedere le opere del maestro Messina, al centro di due fra le più importanti piazze di Catania. Il trasferimento da Linguaglossa è previsto per lunedì 25 Agosto, mentre la riconsegna ufficiale delle opere alla città di Catania avverrà mercoledì 27, alla presenza del sindaco Stancanelli e dello stesso assessore Fatuzzo.

    “Investire nella cultura è l’obiettivo dell’assessorato – afferma Fabio Fatuzzo – che intende valorizzare il patrimonio culturale della città, attraverso piani di promozione e potenziamento. Si inizia con le due sculture del celebre Maestro siciliano, con l’obiettivo di rilanciare Catania quale città vocata alla cultura, attraverso il suo ricchissimo patrimonio artistico, storico e ambientale.  Le due opere torneranno nelle locations di appartenenza, Piazza Vittorio Emanuele III e Piazza Europa, ad accrescerne l’arredo urbano, senza snaturarne l’originale identità, per restituire a Catania e ai suoi cittadini la dimensione di una città che sa vivere e custodire il suo patrimonio storico, come necessità e diritto, e come parte vitale di un unicum.  Lo Stallone opera in bronzo e La Romantica opera in marmo rosa, diventano punto di riferimento per le due piazze catanesi, punto di aggregazione e vivibilità, nonché valore sociale aggiunto”.