• Home / SOCIAL / La Tribute Band Claudio Baglioni “Strada Facendo” in lungo e in largo per la Calabria per regalare uno spettacolo unico.

    La Tribute Band Claudio Baglioni “Strada Facendo” in lungo e in largo per la Calabria per regalare uno spettacolo unico.

    E’ partito con successo il tour estivo della Tribute Band Claudio Baglioni “Strada Facendo” che nel mese di agosto ha già fatto tappa in diverse piazze calabresi. Dall’affascinante borgo medievale di San Giorgio Morgeto nel reggino, per passare dal comune di Taurianova in occasione della Notte Bianca, fino ad approdare, ieri sera, nel vibonese, a Parghelia, una delle località più note della Costa degli Dei. Il gruppo nato nel 2012 e composto da Carmine Barrese (pianoforte e voce), Michele Gradia (basso), Francesco Naso (chitarra) e Pasquale Rao (batteria) persegue l’obiettivo di omaggiare la figura del noto cantautore romano regalando al pubblico un racconto musicale fra emozioni e ricordi racchiusi in quarant’anni di musica. Ogni esibizione della consolidata band calabrese si è rivelata uno spettacolo unico e travolgente per il pubblico a cui sono stati riproposti i brani più significativi che hanno segnato la carriera del famoso artista italiano. In apertura la canzone da cui prende nome il gruppo “Strada facendo”. Si tratta di un brano che parla delle situazioni difficili e degli ostacoli che si possono incontrare durante la vita. Tra sogni, più o meno realizzati, speranze, talvolta disilluse, ed avvenimenti positivi e negativi, l’invito è a non mollare mai e a continuare a percorrere quella strada con dignità credendo nei propri mezzi e nella possibilità di rivalsa. Dunque, il messaggio di incoraggiamento a credere in un futuro migliore che può arrivare solamente non perdendo la fiducia verso la vita e verso se stessi può essere definito il filo conduttore del repertorio musicale eseguito dal voice-leader del gruppo Carmine Barrese insieme ai suoi musicisti. In tal senso un esempio significativo sono i pezzi “Avrai” e “La vita è adesso”: il primo, che Baglioni dedicò al figlio come una predizione benevola per il futuro, è un augurio alla felicità fatta da tante piccole cose quotidiane e irrinunciabili per colorare in maniera genuina la propria esistenza. Poi, il brano con cui il gruppo ha scelto di congedarsi dal suo pubblico “La vita è adesso”, un inno alla gioia di vivere. Parole e musica che affrontano con armonia tematiche come lo scorrere del tempo, l’attesa del futuro, il peso dei ricordi, e soprattutto incitano ad apprezzare la magnificenza della vita. Due intense ore di spettacolo all’insegna della melodia e del romanticismo di canzoni simbolo dei primi amori degli adolescenti degli anni Settanta come “E tu”, “Questo piccolo grande amore”, “Mille giorni di te e di me”. Spazio anche ad un must della discografia di Claudio Baglioni: “Poster” pubblicato nell’estate del 1975 e definito dalla critica un vero capolavoro.

    I prossimi appuntamenti con la band sono già segnati in agenda: stasera 16 agosto a Cardeto, paese aspromontano, e il prossimo 21 agosto nella cittadina normanna di Mileto.