• Home / SOCIAL / I Sabatum Quartet a Cittanova per concludere i festeggiamenti di San Rocco

    I Sabatum Quartet a Cittanova per concludere i festeggiamenti di San Rocco

    Saranno i Sabatum Quartet a concludere le celebrazioni laiche in onore di San Rocco a Cittanova. Questa sera, alle ore 22,00, il concerto del celebre gruppo cosentino animerà l’ultima giornata di festa, dopo giornate intense di fede e devozione. La serata è offerta dalla Regione Calabria.

    Il Sabatum nasce nel 2005 da un’idea di Trieste Marrelli, Roberto Bozzo e Antonio Ungaro.Il vero esordio del trio è datato luglio del 2005, ma subito dopo, l’ensemble, diventa “quartet” con l’ingresso della flautista Rosa Mazzei. Il progetto musicale si evolve in Sabatum Quartet (dove Sabatum, sta per fiume Savuto, luogo di battesimo dei musicisti fondatori della band).

    Il Sabatum Quartet è forse il gruppo più anomalo e originale nel suo genere. I motivi di questa originalità sono molteplici, ma possono essere racchiusi in due semplici caratteristiche: la prima è che il gruppo, vive l’esperienza della musica etnica – popolare, senza alcun dogma, la interpreta, la arrangia e la espone al pubblico, “traviandola” ma nello stesso tempo lasciando le caratteristiche originali del pezzo, qualora si trattasse di un brano tradizionale. Questa particolarità è data dalla provenienza e dalle esperienze musicali di ogni singolo artista. La seconda caratteristica è l’apertura artistica della band, i membri, infatti,in poco tempo sono passati da quattro a sette, a testimonianza dell’evoluzione del progetto. Lo spettacolo del Sabatum Quartet, per le caratteristiche sopra citate, è fuori dal comune, originale e di sicuro impatto emotivo sull’uditore. Si spazia dalla tipica tarantella calabrese, a canti di repertorio tradizionale, a pezzi di contenuto socio-politico (brigantaggio, questione meridionale ecc.), a brani inediti, composti dalla band. In tutti le composizioni, originali e non, la caratteristica che contraddistingue il gruppo, è l’innovazione negli arrangiamenti, la polifonia vocale ed i ritmi, che non si soffermano solo ai tipici “grooves” utilizzati nella nostra tradizione, ma spaziano, toccando il tango, il flamenco il rock ed altri generi, espressi in precedenza dai vari componenti del gruppo.

    Dunque, si conclude questa sera la Festa di San Rocco, a Cittanova. Tradizionalmente le celebrazioni per il santo avvenivano (nel centro cittanovese) la terza domenica di settembre. Le attività religiose si sono svolte, comunque, nel segno della fede e della partecipazione, con al centro la tradizionale processione.