• Home / RUBRICHE / Storie / Serra San Bruno (VV), taglio albero secolare Abete Bianco, il WWF: ”Venga impedito il taglio del bosco. Gli alberi non sono una merce qualsiasi”

    Serra San Bruno (VV), taglio albero secolare Abete Bianco, il WWF: ”Venga impedito il taglio del bosco. Gli alberi non sono una merce qualsiasi”

    abete_bianco

    Il comune di Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia, ha deciso di  fare abbattere  migliaia di alberi (ben 2603)

    di cui molti secolari, ricadenti all’interno del Parco Regionale Naturale delle Serre, in Calabria.

    Tra gli alberi predisposti al taglio, anche l’ABETE BIANCO PIU’ ALTO D’EUROPA, oltre 50 M. DI ALTEZZA PER UNA BASE DI 5,5 M. DI CIRCONFERENZA (LEGGI L’ARTICOLO). La notizia non tarda ad arrivare anche al Wwf, che in una nota molto dura scrive all’amministrazione di Serra San Bruno.

    “Serra San Bruno – si legge nella nota -, centro montano famoso per la presenza nel suo territorio dell’antica Abbazia certosina dei SS. Stefano e Bruno, fondata da San Bruno da Colonia, non vorrà passare alla storia per aver distrutto una parte di quel  patrimonio forestale che aveva suscitato l’ammirazione dei monaci certosini e che, nonostante il trascorrere dei secoli, rappresenta tutt’ora la caratteristica più importante del paesaggio serrese e il principale richiamo per turisti e visitatori.

    Succede infatti che l’amministrazione comunale di Serra, che negli ultimi anni  aveva consentito il taglio di migliaia di alberi nel suo territorio, abbia organizzato  per il prossimo 25 marzo un’asta pubblica per la vendita di materiale legnoso proveniente dal taglio di tre lotti boschivi, di proprietà del demanio comunale, nel cuore del Parco Naturale Regionale delle Serre, il “Bosco Archiforo”, area SIC- Sito di Importanza Comunitaria – zona di riserva generale orientata.

    Tra le 2.603 piante delle quali è previsto il taglio, ben 1.090 sono esemplari del raro Abete bianco,  tra cui maestosi alberi secolari,   tra i più antichi d’Europa, meritevoli di custodia e di tutela assoluta, come testimoniato dalle immagini del naturalista Pino Pisani.

    Tra gli altri, lo studioso ha individuato un esemplare di abete bianco che presenta delle misure eccezionali: una base di 5,5 metri di circonferenza e un’altezza  superiore ai 5O metri. Dimensioni che identificano lo stesso albero come un vero patriarca vegetale, forse il più grande in Europa di questa specie.

    Secondo diversi autori l’Abete bianco di Serra costituisce un’entità a sé, tanto da essere descritta come una sottospecie (“apennina”) , con una capacità di resistere all’inquinamento che è di gran lunga superiore a quella degli abeti bianchi di latitudini più settentrionali. Inoltre le abetine di Serra sono considerate come centri di grande variabilità genetica.

    Ci si chiede come sia possibile che questi boschi vengano ancora trattati come una qualsiasi merce, volutamente ignorando che il rilevante patrimonio forestale dei parchi e delle aree protette  dell’Appennino meridionale costituisce un “unicum” straordinario nel nostro Paese per la ricchezza della biodiversità e la bellezza del paesaggio.

    Il caso del comune di Serra San Bruno non è l’unico, purtroppo; fatti analoghi sono avvenuti in questi ultimi anni anche in alcuni  parchi nazionali . Per salvare migliaia di alberi  dall’abbattimento si sono mobilitati comitati civici ed alcune associazioni.

    Le associazioni chiedono alla Regione Calabria di impedire il taglio degli alberi del Bosco Archiforo e di fare rispettare i vincoli previsti dal decreto di attuazione della Direttiva Habitat”.