Reggio Calabria – “Spreco di acqua nell’ex area del 208 di fronte l’ex caserma della Polizia”

martedì 04 luglio 2017
18:34

Riceviamo e pubblichiamo – “Sono un cittadino residente nella zona dell’ex 208 che quotidianamente percorre la via Cantaffio per raggiungere la propria abitazione.
Mi corre l’obbligo in qualità di persona civile e onesta di segnalare le condizioni di degrado che vive l’intera zona.
Quando ho assistito all’abbattimento dell’accampamento dei nomadi, dopo tantissimi anni di degrado e incuria di ogni genere, mi era parso di andare incontro a tempi in cui quella zona sarebbe stata riqualificata e portata a simbolo di un intero quartiere quello di Sbarre che per tanti versi è un luogo dove esistono tanti siti che al di fuori delle promesse di riqualificazione urbana non hanno visto nessun tipo di intervento da parte del Comune.
Ebbene, a distanza di anni da quell’evento “storico” è successo che il classico “fumo negli occhi” ha continuato a offuscare le menti dei poveri cittadini costretti ad assistere a così tanto scempio.
Ci troviamo adesso davanti al nulla…… pseudo marciapiedi, aiuole fantasma, buche sulla carreggiata, spazzatura in ogni dove, escrementi di animali sparsi qua e la, il tutto condito da una sterminata vegetazione che cresce rigogliosa anche e soprattutto per la non mancanza di acqua “potabile” che fuoriesce da varie tubazioni che forse erano state progettate per il benessere delle pseudoaiuole o forse erano quelle esistenti ai tempi delle baracche dei nomadi.
È davvero vergognoso tutto questo considerando anche il fatto che sulla stessa area insiste l’ex caserma della Polizia di Stato che anch’essa da quando è passata di nuovo nella disponibilità del demanio delli stato è abbandonata a se stessa, più volte preda di incendi e rifugio di disadattati che approfittando della precaria recinzione vi trovano rifugio per la notte o per compiere azioni di ogni genere.
E non è finita qui……
Che dire di Villa Guarna ?
Distante poche decine di metri qui si può trovare di tutto…..carcasse di animali morti, cani randagi, tonnellate di spazzatura, vegetazione a mo di foresta……insomma che dire……non ci si fa mancare proprio nulla.
L’unica cosa positiva e che proprio li, a ridosso dell’ex area 208 vi è l’ospedale Morelli che fra tante difficoltà svolge il suo ruolo a supporto delle necessità dei cittadini della zona sud e non solo…..
Mi verrebbe da aggiungere che siamo fortunati noi che abitiamo li……aumentando le patologie che colpiscono il fegato in particolare quelle dovute all’avvelenamento dello stesso……abbiamo l’ospedale lì, pronto a soccorrerci.
Non credo ci sia bisogno di documentazione fotografica poiché queste condizioni sono conosciute dalla maggior parte dei residenti che ahimè sembra abbiano i paraocchi.
Inviterei solamente il Sindaco, considerato che abita poco distante dalla zona in questione, a venire a fare un giro e constatare personalmente ciò che ho scritto…..sempre che riesca a trovare un minimo di tempo libero fra i vari tagli del nastro che fa in giro per questa bellissima città metropolitana“.

Il solito cittadino sempre più indignato

Print Friendly


<< >>


<< >>