Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Lettere a Strill.it: “Sanità che se ne va!”

Lettere a Strill.it: “Sanità che se ne va!”

Riceviamo e pubblichiamo – Il sottoscritto COSIMO LIMARDO in qualità di responsabile di tale movimento nella regione Calabria,vorrei esprimere tutto il malumore mio e di molte persone che la sanità in calabria è al collasso totale.

Una normale prenotazione per una visita diabetica si deve aspettare mesi se tutto va bene come per altre prenotazione tramite cup con una lunga attesa se tutto va bene se uno paga la visita e subito se non paga e a lunga attesa sempre se non muore prima.

Gentile ministro un povero ammalato non puo’ aspettare a lungo la malattia non aspetta. Noi del Movimento Italiano Disabili chiediamo che le prenotazione per le visite siano piu’ breve per tutti i pazienti come e giusto che un ammalato viene curato in ospedale piu’ vicino e non che deve essere trasferito da un ospedale a un altro ospedale come pacchi postale che dicono che non ce posti e li devono trasferirli. Gentile ministro Lorenzin ogni cittadino ha diritto di curarsi bene,di fare analisi necessarie al caso di prendere farmaci che possono essere costosi. Qualsiasi italiano a diritto di curarsi negli ospedale della propria regione. inoltre chiediamo che tutti gli ospedali abbiano attrezzatura adeguate e dottori specilizzate nelle diverse patologie gentile ministro inoltre chiedo di verificare che tutte le prenotazione sono piu’ breve sia per il diabete e sia per tutte le malattie. Poi quando succede qualcosa non diciamo che la colpa e dei medici .cordiale salute del Coordinatore del Movimento Italiano Disabili Regione Calabria

Leggi qui!

Memorie | Le memoria dei minatori mottesi e la “missione” di Benedetto Mallamaci

di Anna Foti – “Impasto di prestanza/Miniera d’altruismo/Agonizzando/Vive i suoi vent’anni/Senza futuro”. Questi versi traboccanti …