• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / ‘Insieme si può’: ‘No alla chiusura della Limina a luglio’

    ‘Insieme si può’: ‘No alla chiusura della Limina a luglio’

    Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’Associazione ‘Insieme si può…’ contro la chiusura della Limina
    No alla chiusura della Limina a luglio
    L’associazione “Insieme si può…”, la quale, unitamente alle altre organizzazioni territoriali della Locride, si impegna in attività socio-culturali, ha appreso che i lavori della galleria della Limina, procederanno tutto il mese di luglio. Plaudiamo all’operosità degli Enti deputati alla modernizzazione del valico, ma non possiamo assolutamente evitare di classificare come decisamente opinabile e chiaramente inopportuna la scelta di proseguire i lavori durante il periodo di alta stagione.
    Un territorio ad altissima vocazione turistica viene fortemente penalizzato da una scelta che non si interroga affatto sulle esigenze dei commercianti e di tutti gli abitanti dei paesi interessati. I sindaci dovrebbero unirsi alla nostra protesta e fare sentire in maniera vibrata la propria voce come ha fatto, pochi giorni addietro, il primo cittadino di Torre Melissa, per fatti analoghi.
    Dopo aver depauperato questo versante declassandolo a zona del terzo mondo e privandolo dei mezzi indispensabili per lo sviluppo sociale, culturale ed economico come la ferrovia, adesso anche la SGC in un periodo di forte presenza turistica. Oltre a penalizzare i vacanzieri, la chiusura della SGC contribuisce a dissuadere i locali nel visitare altri centri limitrofi in occasione di feste patronali ed altro.
    Questo nuoce fortemente al territorio e fa riflettere sulle promesse avanzate da decenni dai vari amministratori che si sono succeduti circa lo sviluppo di questa terra. Sviluppo che dovrebbe avvenire solamente per merito dello Spirito Santo visto che i poteri terreni, sono attenti quando si devono richiedere i consensi nel periodo elettorale e… distratti quando devono sostenere il loro elettorato. Bhè almeno presentano lettere di protesta….. “Insieme si può…” auspica una immediata e decisa presa di posizione da parte della autorità competenti affinchè la strategia dell’Anas venga ricondotta alla ragione e tenga conto degli interessi diffusi.
    Il presidente dell’Associazione
    Francesco Minici