• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Un Salvini da Lega…re

    Un Salvini da Lega…re

    Un Salvini da Lega…re quello venuto in Calabria
    e lo ricorderemo soprattutto per questo odioso gesto
    del dito medio verso l’alto mostrato ad ogni occasione.
    Ha dichiarato che questa regione lo fa vergognare di essere italiano, per non parlare delle battute su mafia e tutto il resto.

    Peccato, poteva almeno per una volta comportarsi da uomo delle Istituzioni e provare a dare
    indicazioni serie, ad affrontare con la dovuta attenzione questioni delicate e ad impegnarsi per portare a soluzione le tante problematiche che affliggono il territorio ma la sua malcelata avversione ai terroni è venuta fuori con arroganza e supponenza.

    Peccato ancora, perché non ha saputo approfittare dell’occasione per chiedere scusa di tutte le ingiustizie che vari governi hanno perpetrato a danno di questa terra e magari a ringraziare la gente del sud che negli anni ha reso grande e produttivo il nord della nostra Nazione.

    Ci spiace, ma dovremo essere noi tutti calabresi ad avere un po vergogna per un deputato ed europarlamentare per ciò che non ha detto e per gli atti non certo eleganti ma inqualificabili e rozzi manifestati.

    La Calabria dalla sua visita non ha perso ne guadagnato nulla, l’Italia invece continua a perdere soprattutto in credibilità delle sue istituzioni.

    Raffaele Papa
    Coord. Prov. Cosenza IDM
    Italia del Meridione