Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Reggio Calabria: sede del partito Repubblicano scambiata per pattumiera (FOTO)

Reggio Calabria: sede del partito Repubblicano scambiata per pattumiera (FOTO)

Riceviamo e pubblichiamo:

Che l’introduzione delle raccolta differenziata porta a porta ha portato non pochi disagi a Reggio Calabria è sotto gli occhi di tutti, o meglio, è sotto il naso di tutti. Tra l’inciviltà dei cittadini, il cattivo servizio non sempre puntuale che sta offrendo l’AVR, le scarse risposte all’ormai annoso problema da parte degli amministratori comunali, la città si sta trovando sotto cumuli di spazzatura.

Tuttavia singolare è la vicenda che ha colpito la sezione “R. Sardiello” sede del Partito Repubblicano Italiano di Reggio Calabria, sita in via Rausei. Un cittadino, chiamiamolo “lordazzo” per rifarci alle ormai famose dichiarazioni di Falcomatà, ormai da settimane ha preso l’entrata della sede del Partito come sua personale pattumiera. I primi sacchi abbandonati risalgono a due settimane fa, da me personalmente rimosse perché oltre ad ostruire l’entrata in sede, occupavano l’intero marciapiede ed ostacolavano il passaggio dei pedoni, cosa che mi sono rifiutato di fare la scorsa settimana, precisamente il 13 Agosto, segnalando puntualmente agli organi competenti il disagio che qualcuno stava creando al mio Partito, ammesso che di segnalazione ce ne fosse bisogno visto che accanto ai rifiuti abbandonati c’erano i mastelli delle abitazioni, e sono sicuro che per quanto distratti possano essere i netturbini, il cumulo non era tale da passare inosservato. Una settimana dopo, quindi lunedì 20 Agosto, non solo scopro che l’AVR non è intervenuta, ma che il nostro “lordazzo” ha continuato imperterrito la sua attività, lasciando insieme alla vecchia immondizia anche una doccia, ferraglia varia e altri sacchi di spazzatura.

Non è possibile che mentre il mondo corre a Reggio si deve ancora parlare di spazzatura. La sede del mio Partito è solo uno dei tanti luoghi deturpati da qualche incivile. Le zone scoperte dalla raccolta porta a porta che hanno ancora le vecchie pattumiere, come ad esempio parte dell’ex. XII circoscrizione, sono colme e stracolme di spazzatura che i cittadini portano appositamente da ogni angolo della città per evitare la differenziata e/o il ritiro dei mastelli! Caro Sindaco e cara giunta, è superficiale affidare tutte le colpe al cittadino che magari con una buona, sana e costruttiva terza elementare, e con qualche sanzione, la smetterebbe di comportarsi in talo modo. La bolletta è cara e la città è sporca.

DEMETRIO GIORDANO

Segretario cittadino P.R.I.

Leggi qui!

Disagi accorpamento Piria – Ferraris, la replica del dirigente scolastico

Egregio Direttore, trovo opportuno e necessario proporre alcune rettifiche alla denuncia dell’alunno Emanuele Rodà, apparsa …