Home / CALABRIA / Calabria – Radici del Sud 2015: Savù e Catà premiati, il Gaglioppo conquista

Calabria – Radici del Sud 2015: Savù e Catà premiati, il Gaglioppo conquista

Due riconoscimenti importanti per iGreco al concorso del X Salone dei vini meridionali “Radici del Sud”, kermesse che celebra e premia le migliori realtà vitivinicole delle cinque regioni del Sud Italia, Calabria, Sicilia, Basilicata, Puglia e Campania, che si è svolta dal 9 al 15 Giugno presso la Masseria Corte di Torrelonga alle porte di Bari.
I vini in concorso sono stati complessivamente 380, suddivisi in 21 categorie, in base ai vitigni di produzione, giudicati da 2 giurie, una nazionale ed una internazionale, composte da 32 tra operatori, buyer, wine export e giornalisti di settore italiani ed esteri.
I premi sono andati ai primi due vini che hanno ottenuto il punteggio migliore dalle 2 giurie.
Nella categoria dei “Gaglioppo”, per la giuria internazionale, iGreco si è aggiudicato il premio con il rosso “Catà 2012 – Calabria IGP”, mentre nella categoria mista “Rosati del Sud”, nuova batteria introdotta quest’anno dalla giuria internazionale per mettere in competizione tutti i vini rosati delle diverse regioni, sul podio ancora la cantina di Cariati, con il “Savù 2014 – Calabria IGP”, rosato ottenuto sempre da Gaglioppo.
“Una manifestazione che rappresenta un’importante occasione per le aziende produttrici per confrontarsi e far emergere la qualità dei vini del Sud. Con enorme soddisfazione per i vini premiati, siamo convinti che l’enologia del Meridione debba passare da questi momenti di forte risonanza internazionale e “Radici del Sud” è la strada giusta, per questo un ringraziamento particolare va a Giovanni Gagliardi per l’attività svolta per il territorio calabrese.” – ha commentato Filomena Greco, responsabile marketing iGreco. “Ulteriore soddisfazione poi, per la presenza sul podio di numerosi vini calabresi, a riprova dell’impegno profuso negli ultimi anni dagli imprenditori per produrre qualità, prontamente riconosciuta e fondamentale perché la “Calabria del vino” possa affacciarsi sul panorama enologico internazionale e competere con le altre eccellenze. E la qualità passa anche, come nel nostro caso, per la scelta di vinificare vitigni autoctoni – entrambi i vini premiati sono 100% Gaglioppo – con la volontà di valorizzare un vino che sappia essere espressione di un territorio. Territorio magistralmente raccontato e promosso nel mondo soprattutto grazie ai numerosi chef, come Riccardo Sculli del Gambero Rosso di Marina di Gioiosa Jonica, che trasmettono, con i loro piatti e gli abbinamenti con i vini calabresi, “il senso della Calabria”.

Leggi qui!

Siclari: “Nave Eilio, scelta ecologica che fa bene alla città”

“La scelta della società che opera sullo Stretto di allargare la flotta a una nuova …