• Home / Primo piano / Scuola: cresce la spesa per gli studenti anche in Calabria, l’allarme del Codacons

    Scuola: cresce la spesa per gli studenti anche in Calabria, l’allarme del Codacons

    Sta per abbattersi – si leggei in una nota del Codacons Calabria – sulle tasche delle famiglie italiane la consueta “stangata” di settembre legata all’acquisto del corredo scolastico che si attesta sui 533 euro a studente ma lievita fino a 1130 ad alunno se si considera anche l’acquisto di vocabolari e libri di testo. Lo afferma il Codacons, che fornisce come ogni anno i dati sul caro-scuola e le spese che dovranno affrontare le famiglie in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico. 

    Nei negozi e nei supermercati calabresi già da giorni è comparso tutto l’occorrente per la scuola – evidenzia l’associazione – dai diari e quaderni ‘low cost’ agli zaini ed astucci griffatissimi con le marche del momento, sempre più richieste dai giovanissimi oramai succubi del tam tam pubblicitario.

    In base alle prime stime del Codacons per il corredo scolastico griffato (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) i prezzi al dettaglio, rispetto al 2018, registrano quest’anno un incremento medio del +2,5%, con le marche più richieste dai giovani – legate a squadre sportive, cartoni animati, bambole o personaggi e serie famosi – che hanno ritoccato al rialzo i listini. Il prezzo di uno zaino di marca raggiunge facilmente i 140 euro, mentre per un astuccio griffato attrezzato (con penna, matita, gomma da cancellare e pennarelli) la spesa arriva a 40 euro – si legge nella nota diffusa dal Codacons.

    Altra voce che incide sulla spesa per il corredo scolastico è quella relativa al diario, che supera tranquillamente i 20 euro per le marche più note. A giudizio dell’associazione l’esborso per il materiale scolastico completo raggiungerà durante l’anno scolastico 2019/2020 quota 533 euro a studente, cui va aggiunto il costo per libri di testo. Per dizionari e testi scolastici vari il Codacons prevede un ulteriore ritocco al rialzo dei listini rispetto al 2018, con la spesa complessiva a carico delle famiglie che – tra corredo e libri – può facilmente raggiungere i 1.130 euro a studente. Tuttavia – prosegue l’associazione – anche sulla spesa scolastica è possibile risparmiare sensibilmente e abbattere i costi del 40% seguendo alcuni consigli: non comprare gli articoli legati ai personaggi dei cartoni animati o bambole famose; acquistare nei supermercati dove si può arrivare a risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria; non comprare tutto il materiale all’inizio dell’anno; per gli acquisti più tecnici (dal compasso ai dizionari), è bene attendere le disposizioni dei professori, per evitare acquisti superflui o carenti; usufruire delle offerte promozionali e kit a prezzo fisso.

    Chi segue la moda – conclude Francesco Di Lieto del Codacons – spenderà molto di più. Per questo è importante non farci suggestionare dai messaggi pubblicitari, anche perché esistono corredi scolastici di qualità a buon prezzo anche non appartenenti ai marchi più famosi.