Home / Primo piano / Il calabrese paura non ne ha, la Calabria è sicura: ndrangheta e ladri a parte

Il calabrese paura non ne ha, la Calabria è sicura: ndrangheta e ladri a parte

Calabria terra di briganti, di criminalità organizzata, di illegalità e scarso senso civico.  Alla fiera dei luoghi comuni non si può certo parlare in termini entusiastici di una regione che, in mezzo a tanta innegabile ignoranza, è anche un crogiolo di storia e cultura millenaria.

Nel frattempo, però, in mezzo a tanto disfattismo e scarso ottimismo verso il futuro, c’è un dato su cui i calabresi gonfiano il petto.  Non hanno paura.   Mentre in Italia si diffonde sempre di più un senso di inquietudine verso la microcriminalità, in Calabra si è sensibilmente al di sotto che vuole più di un italiano su quattro preoccupato degli aspetti legati alla sicurezza.

Le percentuali

E’ un tema molto delicato, in giorni in cui si parla di rivedere la giurisdizione legata alla legittima difesa.  Tanto per dare un’idea: in Lombardia il 35% della popolazione non è tranquillo quando esce la sera o quando prende l’autobus. Seguono il Lazio al 33,9%, la Puglia al 32,9% e la Toscana al 32%.

I calabresi sono al tredicesimo posto in Italia con il 22,5%. Una popolazione tutt’altro che pavida, dunque, tenendo ben presente che gli unici meno inquietati dai pericoli sociali sono gli abitanti di regioni come Molise, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

Sicurezza in Calabria

Luoghi dove la più grande delle organizzazioni criminali al mondo, dopo l’Isis, non esiste sotto il profilo “militare”. In fondo non è un mistero che la Calabria abbia la radicata convinzione che la ‘ndrangheta sia il più incisivo tra i deterrenti per la microcriminalità.

Tra l’altro il 15% dei calabresi sostiene di potersi sempre un oggetto per difendersi.

I dati Istat rivelano, inoltre, che il 5% dei calabresi avrebbe un’arma legalmente detenuta in casa).

Unico dato che mette la Calabria in testa ai cittadini che hanno paura è quello di quando si è in casa. Il 22% dei cittadini calabresi ritiene di non sentirsi sicuro tra le mura amiche.

 

Leggi qui!

Le mafie di Roma sempre più come in Sicilia e Calabria

Nella Capitale, tra i gruppi criminali, si evidenziano sempre di più organizzazioni assimilabili al modus …