Home / Primo piano / ‘Ndrangheta, Gratteri: politica le si rivolge per avere voti
'Ndrangheta, Gratteri: politica le si rivolge per avere voti

‘Ndrangheta, Gratteri: politica le si rivolge per avere voti

“Da ormai vent’anni si è ribaltato il rapporto tra ‘ndrangheta e politica. Adesso è quest’ultima a bussare alle porte dei clan per avere pacchetti di voti”. Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, a margine della presentazione stasera nel capoluogo calabrese del libro “Fiumi d’oro” che il magistrato ha scritto assieme al giornalista Antonio Nicaso. “Il rapporto tra ‘ndrangheta e massoneria deviata – ha aggiunto Gratteri rispondendo alle domande dei giornalisti- risale al 1970, quando venne creata la Santa. Si può dire che è stato istituzionalizzato un rapporto che ha permesso alle cosche di entrare in contatto con il mondo imprenditoriale e, appunto, con la politica”. Gratteri ha spiegato che in “Fiumi d’oro” è stata ricostruita la storia della ‘ndrangheta “da quando negli anni ’60 era una mafia pastorale per arrivare agli anni ’70, quando cominciarono i sequestri di persona. In quel periodo i clan gestivano più di 20 sequestri all’anno, che fruttavano ognuno fino a un miliardo e mezzo di lire. Con quei soldi le cosche sono entrate nel mercato della droga ed hanno inviato uomini e broker in Sudamerica fino ad arrivare al vertice del narcotraffico mondiale”.

Leggi qui!

Annullato il sequestro degli stalli della nascita autostazione di Trebisacce

La S.A.J. srl, titolare del progetto di Project-financingche interessa la nuova autostazione che sorgerà nel …