• Home / In evidenza / Comunali, vescovo Locri ai nuovi sindaci: “Non tradite la gente”

    Comunali, vescovo Locri ai nuovi sindaci: “Non tradite la gente”

    “Come Vescovo di questa diocesi porgo ai sindaci neoeletti della Locride gli auguri per una buona amministrazione a vantaggio di comunita’ che sognano guide sagge e attente per il bene di tutti e di ciascuno.

    La fiducia che vi e’ stata accordata e’ espressione democratica del desiderio di vedere migliorare le proprie condizioni di vita, di offrire specie ai piu’ giovani la gioia e la speranza di abitare questa terra. So che e’ tanto l’entusiasmo sia di chi inizia questa nuova esperienza amministrativa sia di chi per un altro mandato ha accettato la sfida di continuare”. E’ quanto scrive il vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, in una lettera di auguri ai sindaco eletti nel comprensorio nella tornata elettorale di domenica scorsa.

    “Sono tante le attese di vedere in voi il volto dello Stato vicino – aggiunge il vescovo – che prende a cuore i bisogni della gente, specie di quella piu’ disagiata e povera, trasformandoli in progetti di crescita e di sviluppo. Siete chiamati a rappresentare l’istituzione di governo locale in un contesto non facile, ove la democrazia e’ a rischio, quando fenomeni come la sfiducia dei cittadini, la pubblica corruzione, la diseguaglianza, lo sfruttamento e la mancanza di lavoro alimentano ed aggravano l’esclusione sociale. Il popolo ha riposto in voi fiducia: non traditela”.

    “Camminate tra la gente – scrive ancora il vescovo di Locri – e coglietene i bisogni. Il vostro e’ un servizio nobile e benemerito, una vera forma di carita’ sociale. Fate sempre in modo che la logica del profitto e gli interessi egoistici, quelli dei propri amici e clientele, non mettano a repentaglio la stessa democrazia. Cari sindaci, la Chiesa nutre stima nei vostri confronti e volge attenzione al vostro operato: avrete la sua collaborazione, ma le vostre scelte devono tenere conto dello sviluppo del territorio, delle attese delle famiglie e dei giovani, come anche dei bisogni primari della frange piu’ deboli della popolazione. Vi auguro per il bene della nostra terra, che, superando la tentazione del localismo e del particolarismo, facendo rete attraverso scelte di condivisione e solidarieta’, sulla scia del percorso intrapreso dall’Associazione dei sindaci della Locride, possiate essere sempre piu’ uniti sui gravi problemi della nostra terra.

    Sui problemi occorre essere tutti uniti, compatti e solidali. Sono certo che troverete un entusiasta accoglienza nell’Associazione dei 42 Comuni della Locride, che intende promuovere la partecipazione democratica, lo sviluppo socioeconomico del territorio, il rinnovamento della pubblica amministrazione, la difesa degli interessi aggregati dei cittadini della Locride. Ideali nobili ed alti! Siate fedeli ad essi al di la’ delle prospettive da cui ciascuno si pone. Sapete bene che, al di la’ delle difficolta’ esistenti, la nostra terra ha tante potenzialita’ e risorse: la sua ricchezza di arte e cultura, la bellezza dei borghi, la limpidezza del suo mare con tanti chilometri di costa sono un grande patrimonio. Tutto da valorizzare. Auguro a tutti voi neosindaci – conclude monsignor Oliva – di essere guide che antepongano ad ogni altro interesse il bene comune. Buon cammino”.