Home / In evidenza / Confgricoltura ANGA -CALABRIA, bilancio di fine mandato Giuseppe Barbaro

Confgricoltura ANGA -CALABRIA, bilancio di fine mandato Giuseppe Barbaro

Le sinergie di intelligenze, abilità, ed esperienze è la dimostrazione tangibile di come la Calabria ancora oggi più di ieri possa essere protagonista. Riprova ne sono i dati economici che segnano considerevoli aumenti del PIL aggregato in Agricoltura. – incomincia così il Pres. Barbaro – I giovani calabresi devono essere, pertanto, ormai orientati all’internazionalizzazione, consci di dover esprimere il proprio essere, che li caratterizzi e li renda indipendenti, “Liberi”. La garanzia per restare autonomi nelle scelte risiede nell’esprimere ed aumentare il proprio valore e ciò avviene solo attraverso il proprio lavoro.
Il mestiere dell’ Agricoltore ha acquisito fascino e modernità, l’innovazione nelle pratiche Agricole, la connettività, le competenze, la disponibilità e l’interprestazione dei big-data che pervade ormai tutti i processi del Settore Primario dalla produzione alla distribuzione del prodotto finale, ridefinisce così il ruolo e lo porta allo stato di Imprenditore Agricolo. – dichiara Barbaro – Il mandato a rappresentare i Giovani di Confagricoltura – ANGA Calabria è stato intenso, di grande responsabilità, altamente formativo. Per svolgere incarichi di questo tipo, ed ottenere risultati, bisogna fare ricorso a tutte le proprie energie, bisogna avere forza, equilibrio, fare ricorso ad una dialettica continua interna ed esterna alla propria organizzazione, bisogna essere leali, onesti intellettualmente, e soprattutto bisogna essere Comunitari. Così ho interpretato questi tre anni, così ho agito.
-Continua il Pres. Reg.le – In questi tre anni le soddisfazioni sono state tantissime, perché si è portato a termine un Programma che aveva come priorità punti ed argomenti di grande valenza sociale oltre che importanti per lo sviluppo delle Aziende Agricole dei Giovani Imprenditori. Abbiamo inteso infondere una forte presa di coscienza nella nostra base sociale al fine di essere contemporanei e consci del ruolo di Imprenditore Agricolo, abbiamo promosso il nostro meraviglioso territorio e dato valore alle nostre produzioni. Si sono attuati percorsi per l’internazionalizzare dei nostri prodotti, convinti che bisogna puntare su una crescita globale della Calabria e non settoriale che passi quindi dal Food, dal Fun e dal Fashion.
Siamo convinti sostenitori dei prodotti a Km illimitato, solo grazie all’export si può raggiungere una significativa crescita del PIL regionale.
Obiettivo primario era la crescita del Settore Primario per sfidare il problema della Disoccupazione Giovanile, ci siamo riusciti – afferma Barbaro -. Migliaia i Giovani che con entusiasmo in questi anni si sono insediati o si stanno per insediare diventando Imprenditori Agricoli pronti a dare lavoro e creare nuove maestranze. In quest’ambito si è lavorato per portare il premio PSR di Primo Insediamento da 30.000 a 50.000, è realtà.
Aggiunge, il Presidente – Pensavamo che i terreni incolti di proprietà pubblica potessero essere una opportunità per i Giovani, abbiamo contribuito a far approvare una Legge regionale, per dare la terra di Calabria ai calabresi volenterosi che la vogliono coltivare.
Siamo convinti che il progresso passi dalla cultura, dalla formazione, dalla informazione, da un rapporto corale con gli stakeholders del territorio, pertanto abbiamo promosso dei “Protocolli d’Intesa” ed avuto il privilegio, l’onore di essere primi interlocutori istituzionali dell’ ANCI Calabria e del Dipartimento di Agraria dell’ Università Mediterranea di Reggio Calabria.
Ricordo – continua il Pres. Reg.le – tantissime battaglie strettamente sindacali, quella contro l’IMU Agricola, a favore dell’IGP Olio di Calabria, per la caccia selettiva dei nocivi, ecc..
Il nostro Programma prevedeva uno Sviluppo Sostenibile, consumo suolo zero, attenzione alla conservazione ed alla tutela del Paesaggio e dell’Ambiente, nel portare avanti queste politiche ci siamo accorti che questa attenzione stimola comportamenti virtuosi anche nella clientela, ormai sempre più attenta nelle scelte dei propri acquisti.
Alla fine di questo mandato – conclude Barbaro – nel ringraziare tutti coloro che hanno condiviso con me questo esaltante percorso, con una menzione particolare per il Dir. Angelo Politi, posso affermare che la Calabria, attraverso l’Agricoltura, si è riscoperta centro che attrae tutto il mondo ed esprime le migliori avanguardie, perché sa di essere una comunità di donne e di uomini capaci di salvaguardare le tradizioni del passato attraverso l’innovazione, dando carattere alle proprie produzioni, e di avere la forza per disegnare il proprio futuro.

 

Leggi qui!

Catanzaro – Babylandia, al via al Parco della Biodiversità

Divertimento e formazione: sono le parole chiave di “Babylandia”, la manifestazione, organizzata dal Lions Club …