Home / CITTA / Cosenza / Morano Calabro – Fervono preparativi per la XVI edizione della Festa della Bandiera

Morano Calabro – Fervono preparativi per la XVI edizione della Festa della Bandiera

Venerdì, sabato e domenica 18, 19 e 20 maggio prossimi torna a Morano la Festa della Bandiera, evento caratterizzante la proposta primavera/estate dell’Amministrazione comunale.

 

Sono tante le novità di questa XVI edizione. Che si presenta ampliata rispetto al passato. Sia per quanto riguarda i soggetti organizzatori/promotori e finanziatori, frutto di una sinergia tra il Comune, l’associazione Cultour Morano e la Proloco, sia per quanto attiene alla location, con il ritorno alla centralissima Via Vigna della Signora, e alla data di svolgimento, che sarà istituzionalizzata a breve e abbinata alla settimana comprendente il 20 maggio, ricorrenza di san Bernardino da Siena, patrono della città.

 

Nello specifico, pur non volendo rivelare i particolari dei singoli appuntamenti, occorre evidenziare gli elementi cardini su cui si basa l’intero evento. Anzitutto gli aspetti della religiosità popolare e dei contenuti veteropatriottici: rappresentando la festa un intreccio tra le due componenti, si vuol tentare di valorizzarli a scopo turistico, focalizzando sulla devozione a san Bernardino e sulla leggendaria battaglia altomedievale i momenti clou della Tregiorni. Sullo sfondo, gli spari dei pistonieri archibugieri, le fantastiche evoluzioni degli sbandieratori, il rullio dei tamburi, il corteo storico in costume, foggiato con abiti attinenti al periodo della dominazione spagnola del XVII secolo, il gran numero di personaggi. Ingredienti ammanniti con passione dai tre Rioni cittadini (Castello, Giudea, Olmi), sotto la direzione artistica della Cultour, e utilizzati per conferire il solito valore all’happening.

 

Altre originalità del 2018 sono: l’istituzione di un concorso letterario denominato “Chiricocolo Kids”, rivolto ai bambini del locale Istituto Comprensivo, che gareggeranno nel restituire il racconto della manifestazione; la presenza dei cantastorie e saltimbanchi vari; il ritorno dei giochi popolari. E come non bastasse tutto questo, nei giorni della festa si terrà il “I Festival del teatro di strada”, che prevede la partecipazione di numerosi artisti del settore.

 

Nei tipici ambienti di Via Vigna della Signora, dall’innesto Via Nicola De Cardona e sino all’antico Palazzo Aronna/Scorza, saranno allestite le tradizionali botteghe artigianali. Il percorso sarà abbellito da un trionfo di bandiere policrome e piante di stagione; non mancheranno spazi di gastronomia tipica. Sarà facile raggiungere il sito da ogni zona dell’abitato. I dettagli del programma saranno, comunque, resi noti prossimamente.

 

«E’ la prova evidente che insieme si può lavorare», affermano congiuntamente il sindaco Nicolò De Bartolo e l’intero esecutivo. «E quando al progetto si uniscono la passione e la voglia di impegnarsi i risultati arrivano. Avevamo promesso l’istituzionalizzazione del periodo della festa e lo stiamo facendo. Così come avevamo auspicato un’organizzazione sul modello cronoscalata, con una partnership pubblico/privato, ed è quanto stiamo realizzando. Ma, cosa essenziale, dimostriamo come l’unione delle forze e la collaborazione efficace e disinteressata tra potenzialità, competenze produca sempre buoni frutti. Auspicando una partecipazione numerosa, piena e convinta di tutte le energie positive locali, vogliamo esprimere la nostra gratitudine all’associazione Cultour, che ha la responsabilità artistica dell’evento, ai rioni Castello, Giudea e Olmi, agli sponsor, e, in generale, a tutti e ad ognuno di coloro che con funzioni diverse stanno dando il meglio delle loro possibilità. Invitiamo tutti, sin d’ora, a prendere nota delle date e a visitare Morano, che in quei giorni di maggio diventa particolarmente suggestiva».

Leggi qui!

CasaPound: “Negato il Lido Comunale alla cittadinanza. Vergogna senza fine”

“Anche quest’anno il Lido Comunale resterà abbandonato a se stesso tra incuria, sporcizia e spaccio. …