Home / CITTA / Cosenza / Intimidazione a don Stamile, manifestazione a Cetraro
Uniti per la legalità Don Ennio Stamile

Intimidazione a don Stamile, manifestazione a Cetraro

Cetraro e l’intero territorio dell’Alto Tirreno cosentino hanno ribadito il loro forte “no” alla ‘ndrangheta e a qualsiasi forma di violenza ed illegalita’ nel corso di una manifestazione svoltasi sul lungomare della cittadina tirrenica e promossa dall’Amministrazione comunale all’indomani dell’intimidazione ai danni di don Ennio Stamile, parroco di Cetraro e coordinatore regionale di “Libera”. L’iniziativa, che ha visto un’ampia partecipazione di giovani, studenti, istituzioni, rappresentanti della politica e del sindacato, del mondo della Chiesa, dell’associazionismo e del volontariato, e’ stata conclusa dal presidente della Regione, Mario Oliverio, “rientrato appositamente da Roma – riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della Giunta – per esprimere la sua posizione personale e quella dell’attuale Governo regionale contro ogni forma di illegalita’ e di violenza”. “Il vile atto intimidatorio compiuto nei giorni scorsi nei confronti di don Ennio Stamile – ha detto il Presidente della Regione nel suo intervento – e’ un atto che colpisce non solo una persona e cio’ che essa rappresenta, ma la citta’ di Cetraro e l’intera Calabria. Coloro che hanno tentato di intimidire don Ennio Stamile, una personalita’ impegnata da anni per liberare la nostra regione da una piovra che ha soffocato a lungo le sue potenzialita’, sono dei vigliacchi, nemici giurati della Calabria e del nostro futuro poiche’, attraverso atti come questi, scoraggiano ogni fatto positivo che in questa terra tenta di dispiegarsi e affermarsi. Io sono qui, questa mattina per testimoniare a don Ennio che non e’ solo e che la Calabria positiva, che vuole crescere e costruire il suo futuro e, soprattutto, quello dei propri giovani e delle proprie ragazze, e’ in trincea, sulla frontiera, nella lotta contro questi criminali che tanto male hanno fatto e continuano a fare alla nostra terra. Quella odierna, quindi, e’ una giornata molto importante perche’, insieme ai sindaci, alle loro comunita’ e a migliaia di ragazzi e ragazze, siamo venuti qui per dire basta, ma soprattutto per chiedere allo Stato che bisogna fare di piu’, andando oltre cio’ che si sta gia’ facendo. Ben sapendo, pero’, che solo l’azione dello Stato non basta. Il migliore antidoto per combattere la criminalita’ e l’illegalita’ e’, infatti, la crescita della coscienza democratica e civile delle nostre comunita’ e dei nostri concittadini. Alla straordinaria azione della magistratura e delle forze dell’ordine, che io ringrazio a nome di tutti i calabresi per il loro impegno quotidiano e costante, e’ necessario che si accompagni la crescita della coscienza civile e l’intervento attivo delle comunita’. Non possiamo piu’ volgere lo sguardo dall’altra parte, facendo finta di nulla. Quando si verificano fatti e situazioni come quelli in cui e’ stato coinvolto don Ennio, bisogna stare in campo, avere il coraggio di denunciare, di agire, di non sentirsi soli, perche’ troppo spesso, in passato, molti di noi hanno girato la testa dall’altra parte e, facendo cosi’, abbiamo preparato il terreno perche’ questi mascalzoni agissero indisturbati, impuniti. Solo se cresce l’agire civile e si afferma una coscienza collettiva possiamo sconfiggere i veri nemici della nostra terra, liberandola e facendola crescere”. “Per fortuna, iniziative come questa – ha sostenuto ancora Oliverio – dimostrano che, soprattutto nei giovani, qualcosa sta cambiando. Oggi tutta la Calabria e’ qui per confermare la sua vicinanza a don Ennio e alla comunita’ di Cetraro e per dire con forza che non rinuncia al suo futuro, con la chiara consapevolezza che il suo futuro e il suo riscatto passano attraverso la sconfitta della criminalita’ e l’affermazione della legalita’ e dei valori piu’ alti che appartengono alla nostra gente e alla nostra storia”.

Leggi qui!

Candidato massone anche in Calabria, M5S: è fuori

Spunta un nuovo candidato che, informa il M5S, fa parte di una loggia massonica: e’ …