Home / In evidenza / Trasversale delle Serre, Pungitore: L’Anas non può sottrarsi alle sue responsabilità
Anas (società del Gruppo FS Italiane) comunica che, sono stati aggiudicati tre lotti per i lavori di completamento della strada statale 182 ‘Trasversale delle Serre’ in provincia di Vibo Valentia. Gli interventi riguardano i lavori di completamento a suo tempo aggiudicati all’Impresa Cavalleri Infrastrutture s.r.l. fallita, e riguardano i lavori di costruzione del Tronco 1° 2° lotto tra lo Svincolo ‘Serre’ dell’A2 “Autostrada del Mediterraneo” alla strada provinciale ‘Fiume Mesima’; Tronco 1° Stralcio 2° Sp Fondovalle Mesima a Vidotto Scornari e i lavori del Tronco 3° Lotto° 2°da località Cimbello a Bivio Montecucco. L’appalto è stato aggiudicato al Consorzio Stabile A.R.E.M. Lavori S.C.A.R.L. con sede in Santa Maria Capua Vetere (CE), per un importo complessivo di circa 867 milaeuro. I lavori che saranno consegnati all’Impresa aggiudicataria dopo le Festività Pasquali, avranno inizio, con le prime attività propedeutiche per l’avvio del cantiere e l’allestimento delle aree, entro il mese di aprile 2018. L’apertura al traffico dei tratti connessi con i lavori inerenti al Tronco 1° 2° lotto e Tronco 1° Stralcio 2 è prevista entro tre mesi dalla data di avvio dei lavori.

Trasversale delle Serre, Pungitore: L’Anas non può sottrarsi alle sue responsabilità

“L’Anas non può sottrarsi alle sue responsabilità. Deve darci delle risposte. Lotteremo in tutte le sedi per affermare questi principi fondamentali, con i mezzi straordinari che ci sono concessi dalla nostra Costituzione: legalità, democrazia e impegno civile”. Il presidente del Comitato “Trasversale delle Serre”, Francesco Pungitore, incassa come “un successo evidente” le tantissime firme raccolte in poche ore per chiedere “il commissariamento immediato di Anas SpA”. Una petizione che nasce “come una reazione più che naturale da parte dei cittadini dei comuni delle Preserre e delle Serre, presi in giro da oltre 50 anni”. Mezzo secolo di vana attesa per vedere realizzata la Trasversale delle Serre. Cinquanta chilometri, o poco più, di superstrada, destinata a collegare lo Jonio e il Tirreno. “Ma tra ditte fallite, cantieri abbandonati e contenziosi di varia natura, l’opera resta ancora una clamorosa incompiuta” ricorda con amarezza Pungitore. Eppure, “i soldi sono stati spesi. L’impegno dei politici, almeno a parole, c’è sempre stato”. Intanto, però, tutto resta bloccato: a Monte Cucco, a Vazzano, a Gagliato. “E’ emblematico proprio il caso di Gagliato – sottolinea il presidente Pungitore. – Qui c’è, da anni e anni, un cantiere in totale stato di abbandono che crea, peraltro, situazioni di grave disagio agli automobilisti in transito e ai residenti. Nel mese di febbraio scorso, l’Anas aveva garantito il riappalto del tratto in questione entro quest’anno. Siamo arrivati alla fine di ottobre e non si muove una foglia”. Proprio da Gagliato ripartirà la mobilitazione del Comitato che ha fissato per il prossimo 28 ottobre una assemblea che già si preannuncia molto partecipata. “Ma toccheremo tutti i comuni attraversati dal tracciato della Trasversale – precisa Pungitore – da Catanzaro a Vibo Valentia. Continueremo a promuovere la nostra petizione e se in questa vicenda qualcuno ha sbagliato è ora che se ne vada a casa”.

Leggi qui!

Locri – Il 16 ottobre commemorazione Francesco Fortugno

Lo sport come strumento di promozione del valore della legalità e di socializzazione tra i …