• Home / Primo piano / Il borgo di Nicotera accoglie il Festival dell’Ospitalità 2019

    Il borgo di Nicotera accoglie il Festival dell’Ospitalità 2019

    Il turismo può essere il settore trainante per realizzare economia di scala sostenibile. Ma ha bisogno di essere inserita in un contesto ragionato di progettazione ed investimenti che stiano dentro una visione strategica capace di unire l’ospitalità ed il territorio come assi fondamentali di una programmazione efficace. Da cinque anni il Festival dell’Ospitalità – il format ideato da Evermind e coorganizzato insieme ad Home for creativity e Cooperativa kiwi – fa dialogare insieme per tre giorni professionisti nel mondo dell’ospitalità, appassionati di viaggio, esperti di digitale e della comunicazione, operatori di settore catalizzando le attenzioni dell’evento su un borgo scelto come location esperienziale.

    mondo dell’ospitalità, appassionati di viaggio, esperti di digitale e della comunicazione, operatori di settore catalizzando le attenzioni dell’evento su un borgo scelto come location esperienziale.

    Dal 27 al 29 settembre la quinta edizione del Festival dell’Ospitalità si svolgerà a Nicotera, borgo accogliente ed antico della provincia di Vibo Valentia, che sarà sede delle giornate di confronto che quest’anno si qualificano di una importante novità: il format orizzontale Visioni, Itinerari ed Ecoturismo (VIE) che consentirà a tutti gli operatori presenti di raccontare la propria esperienza nel corso della mattinata. Nel pomeriggio le sessioni formative saranno aperte ed informali.

    La tre giorni prevede anche “Il pranzo della domenica” sul tradizionale appuntamento culinario familiare calabrese che viene “istituzionalizzato” come momento di accoglienza collettiva che coinvolge la comunità ospitante e gli ospiti dell’evento in un momento di piazza all’aperto.

    Prima dell’evento quest’anno il Festival dell’Ospitalità propone una settimana di formazione attraverso la Summer School che ha l’obiettivo di formare l’Experience Travel Designer attraverso un intenso percorso residenziale che contempla l’analisi del territorio, la progettazione dell’esperienza, la creazione e l’esecuzione di un viaggio, la comunicazione edil marketing promo-commerciale. I partecipanti verranno coinvolti in un percorso formativo d’aula e con lezione operative sul territorio.

    Accogliere, valorizzare e promuovere è la strategia che guida l’evento nato in Calabria nel 2015 e che ha saputo costruire una forte identità attorno alla esigenza di creare un momento d’incontro in cui discutere, riflettere e ragionare sui cambiamenti profondi che investono tutt’oggi un settore in crescita e sempre più importante come il turismo per disegnare le nuove frontiere di questo settore.

    «La stagione turistica 2019 sta producendo effetti contrastanti sui territori, soprattutto nel Sud Italia. Le destinazioni mediterranee, vedi Croazia, Albania e Grecia, spingono il prodotto mare mettendosi in grande competizione con la nostra Industria turistica. Se pensiamo, poi, alla risalita di destinazioni come quelle del Nord Africa, configuriamo un quadro preoccupante per il comparto turistico. L’opportunità da cogliere – spiega Francesco Biacca, organizzatore dell’evento – è quella di far sì che gli operatori turistici collaborino in ottica di destinazione turistica, ponendo al centro l’ospitalità e l’identità dei territori , lavorando a stretto contatto con le comunità locali per creare un prodotto turistico integrato. Questo è il lavoro che portiamo avanti oramai da 5 anni organizzando il Festival dell’Ospitalità».