• Home / CALABRIA / “Spiagge Pulite” approda nel Vibonese per ripulire l’arenile dalla plastica

    “Spiagge Pulite” approda nel Vibonese per ripulire l’arenile dalla plastica

    Dopo le iniziative di Briatico, Tropea e Ricadi, “Spiagge Pulite” approda a Pizzo. La storica iniziativa di Legambiente ha fatto tappa alla spiaggia di Colamaio per rimuovere la plastica depositata sull’arenile nel corso dei mesi invernali.

     

    La grande spiaggia di Colamaio è stata presa d’assalto, di buon mattino, dagli studenti del Liceo Scientifico di Filadelfia e da alcune classi dell’Istituto Nautico di Pizzo, i quali hanno ripulito centinaia di metri di arenile dall’enorme quantità di plastica probabilmente depositatesi a causa delle correnti marine, del corso delle fiumare ma anche  dall’inciviltà di alcuni bagnanti.

    Una riuscitissima iniziativa frutto della sinergia tra istituzioni, scuole e associazionismo. Ad organizzare “Spiagge Pulite” oltre al circolo Legambiente  Vibo Valentia, presieduto da Antonella Pupo, e dagli altri circoli vibonesi, Capitaneria di Porto, CSV, Arci Caccia, Fare Ambiente, i comuni di Pizzo e di Filadelfia, Consorzio di Bonifica Tirreno Vibonese, Calabria Maceri, Associazione ProCiv Augustus, Consulta Giovanile di Pizzo e varie altre associazioni locali.

    Le attività di pulizia sono state precedute dai saluti degli organizzatori i quali si sono soffermati sul valore simbolico dell’iniziativa e sulla necessità di lavorare in sinergia per la tutela dell’ambiente. La massiccia presenza di associazioni e istituzioni ha rappresentato un importante punto di partenza che registra la convergenza di intenti nella speranza che si possa giungere a risultati concreti. In rappresentanza della Capitaneria di Porto il Tenente di Vascello Rosalba Ciaravolo, la quale si è soffermata sull’importanza della tutela del mare e sulla sicurezza dei bagnanti, e il Comune di seconda classe Denise La Falce. A portare i saluti del Comune di Pizzo è stato l’Assessore all’ambiente Fabrizio Anello, il quale ha preannunciato azioni più incisive in ordine alla raccolta differenziata. Di raccolta differenziata hanno parlato, anche,  i rappresentanti di Calabria Maceri, la nuova azienda che è subentra, a partire dal 01 giugno,  nella gestione della raccolta dei rifiuti a Pizzo, preannunciando le loro linee di azione. Pasquale Nardo, in rappresentanza del Consorzio di Bonifica, si è soffermato sulle attività in programma per la pulizia delle Dune dell’Angitola e della vicina pineta. Domenico Pitimada, presidente provinciale di Arci Caccia e Giovanbattista Pilegi, presidente di Fare Ambiente, hanno, tra l’altro, sottolineato il ruolo delle guardie ambientali e venatorie nel presidio del territorio. Maurizio Greco, direttore del CSV, si è soffermato sul ruolo dell’associazionismo nella tutela dell’ambiente. Altre associazioni, e tra queste i rappresentanti dell’associazione Acqua della Vita di Pizzo, nei loro interventi hanno ribadito la necessità di intervenire concretamente sulla riduzione dei rifiuti.

    La giornata di educazione ambientale, fortemente voluta dal Liceo Scientifico di Filadelfia, le cui attività sono state coordinate dalla professoressa Domenica Davola, hanno riscontrato il favore, dalla Dirigente, professoressa Maria Viscone, dei docenti e degli studenti,  i quali a fine giornata hanno manifestato la loro soddisfazione per i risultati raggiunti. In rappresentanza dell’Istituto Omnicomprensivo di Filadelfia, nel portare i saluti della dirigente, gli insegnanti,  Davola e  Bardari, hanno espresso parole di elogio per la massiccia partecipazione di associazioni e istituzioni e hanno manifestato la loro soddisfazione per l’impegno profuso dagli studenti, i quali hanno mostrato sensibilità e rispetto verso il tema della tutela ambientale, prendendo coscienza dell’importanza di vivere in un territorio pulito e salubre.

    Durante il corso della giornata, grazie anche alla disponibilità dei gestori del vicino lido Il Pescespada, i quali hanno prestato la propria collaborazione, sono stati raccolti circa venti quintali di rifiuti, prevalentemente composti da materiale plastico. Oltre ai tanti rifiuti ingombranti, copertoni, bottiglie e bidoni, è stata raccolta, dai partecipanti, tanta microplastica sparsa sull’arenile.

    Soddisfazione per l’esito dell’iniziativa è stata espressa, anche,  dai circoli locali di Legambiente Vibo Valentia, Ricadi e La Ginestra, i cui rappresentanti, Pupo, Saragò, Giofrè e Pulicari hanno sottolineato l’alto valore educativo che si è tradotto nella raccolta di tanti rifiuti. I rappresentanti di Legambiente si sono soffermati anche sulla necessità di procedere all’immediata bonifica delle numerose discariche comunali diffuse sull’intero territorio calabrese. Delle circa cinquecento discariche censite, nonostante precisi obblighi di legge, la maggior parte  continua a rimanere nel completo abbandono. Molte di queste, come la discarica di Pizzo, sono ubicate in prossimità di corsi d’acqua e il dilavamento ad opera delle acque meteoriche contribuisce, tra l’altro, al trasporto dei rifiuti plastici in mare.

    Presenti all’iniziativa anche le Guardie venatorie volontarie Arci Caccia e le guardie zoofile di fare Ambiente e la ProCiv Augustus che ha messo a disposizione, per l’intera durata della manifestazione, un mezzo di soccorso.