Home / Primo piano / ‘Ndrangheta – Quattro ergastoli per clan Bonavota di Sant’Onofrio

‘Ndrangheta – Quattro ergastoli per clan Bonavota di Sant’Onofrio

Quattro ergastoli e condanne per un totale di 44 anni di carcere per altri cinque imputati. Questa la decisione del gup distrettuale di Catanzaro per i 9 imputati del Vibonese nel processo con rito abbreviato nato dall’operazione antimafia denominata “Conquista” contro il clan Bonavota di Sant’Onofrio.

A vario titolo venivano contestati i reati di omicidio, ricettazione, danneggiamento, estorsione, detenzione illegale di armi e favoreggiamento. Carcere a vita per i fratelli Domenico, Pasquale e Nicola Bonavota, e per Onofrio Barbieri. Francesco Fortuna, invece, e’ stato condannato a 30 anni di reclusione. Queste le altre condanne: 4 anni per Giuseppe Lopreiato, Domenico Febbraro, anche loro di Sant’Onofrio, e Vincenzino Fruci, di Acconia di Curinga; 2 anni e 4 mesi per Francesco Michienzi di Acconia di Curinga (collaboratore di giustizia). I fatti di sangue al centro del processo riguardavano l’omicidio di Raffaele Cracolici, ritenuto il boss di Maierato il 4 maggio 2004, e quello di Domenico Di Leo, ucciso il 12 luglio 2014. Domenico Febbraro era poi accusato di aver esploso undici copi di pistola all’indirizzo del cancello di ingresso della struttura ricettiva “Popilia Country Resort”. Sul posto sarebbe stato accompagnato da Giuseppe Lopreiato, presunto autista di Domenico Bonavota, quest’ultimo presunto mandante della sparatoria.

Leggi qui!

In fiamme il tetto di una abitazione rurale nel vibonese (FOTO)

I vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia sono intervenuti oggi alle ore …